Giornale di Critica dell'Architettura
Storia e Critica

Greg Lynn interview

di Mariopaolo Fadda - 15/5/2004


Greg Lynn interview May 11, 2004
>>>Traduzione italiana

AntiTHesi: You are one of the founders of United Architects, a new kind of partnership that could radically change the practice, driving it from the solo-star model (a "19th century notion", Mr. Viñoly said) to a collective endeavor. Terence Riley, on the contrary, thinks "ego" is very important in architecture. Could you tell us what you think about that?

Greg Lynn: In certain situations, like the WTC Site Design Competition, it is important for a generation of like minded creative people to stake out what are the critical issues for design in the broader cultural sphere as well as within their own discipline. The Five Architects publication, the Team Ten summit meetings, the Post-Modernism Biennale in Venice in the mid-1980s, CIAM; these were all instances where architects with very well established egos came together to articulate a shared vision. After these events they all went back to competing against one another in a usually collegial manner. This is what United Architects was and is about. Coming together to establish a shared basis on which to define our individual positions. I believe that you need both individual practitioners as well as collectives. This has always been the case and I would assume that it will continue in this way. The isolated iconoclasts have been celebrated but this kind of Fountainhead phenomenon usually drives designers away from critical discourse and towards obsolescence and irrelevance. There are many great architects, like Siza or Zumthor, that because they have no critical discourse and minimal connection to their colleagues, cease to evolve and stagnate. Architects must have discourse and therefore they must work collectively to some degree. A design coalition like United Architects is more the rule than the exception in my experience. So, I agree with Terry and I think that what you called the solo-star model requires moments of collective focus.

A.: These new kind of partnerships seem to have a strong anti-hierarchical meaning. Kivi Sotamaa, from Ocean North, says that his partnership does not have an anti-hierarchical meaning but the hierarchies shift from project to project. How hierarchies work at United Architects?

G. L.: We all have taken on specialized roles, almost as caricatures of ourselves. I think that all of us consider ourselves to be experts in every facet of architecture and urban planning but when we get together we take on roles as specialists in infrastructure, landscape, massing, geometry, programming, etc… The hierarchies really emerge from the geography of the collaboration. Whoever is local takes on more responsibility as well as whoever has the ability to contribute the workforce to the project. In terms of roles and responsibilities within the creative process it is more based on playing to each of our strengths and specialities.

A.: The idea, at Ground Zero, to create "a continuous band that links them [the buildings] 60 stories above ground" as Nicolai Ouroussoff wrote on the Los Angeles Times, was, perhaps, the most innovative idea of the competition. Do you really think that the "city in the sky" is the future of our cities?

G. L.: I believe that there was a possibility for a partnership between public entities like the LMDC (Lower Manhattan Development Corporation), the City of New York, the State of New York and the Federal Government; semi-public entities like the PANY/NJ (Port Authority of New York and New Jersey), and private developers like Larry Silverstein. In the end these partnerships are in force and this is the only way a large project like the WTC redevelopment is possible. We were suggesting that this partnership could engender a new typology for building tall buildings as well as having a new social expression in the city and a new symbol on the skyline. The united towers concept was linked to this idea of a new typology of tall and large buildings based on public/private partnerships. Each tower is literally and financially free-standing but they link at several locations to make a "city in the sky" as well as a public space surrounding the site of the original WTC tower footprints. Making a large scale civic space out of disparate towers is only possible with a new kind of planning, financing and design process. Is this the wave of the future? Perhaps. We were just trying to give expression and take advantage of a situation that was shaping the development of the site. I think making these kinds of public and private structures visible in built form could be the future of large buildings.

A.: Public participation to Ground Zero's competition process was a very strong issue. Did it somehow influence your design?

G. L.: To be blunt, we were meeting with representatives of the Federal, State and Municipal Government, with the Port Authority and MTA, and with the victims families every 7-10 days. The need to address all of their concerns and expectations was the primary driving force for the project. The only real assumption we made coming into the design process was the idea of united towers that would solve the ongoing architectural problem of resolving a sloped building mass with the requirements for vertical elevators and uniform leasable office plates. Every other decision came from participation in an unprecedented public process.


(Traduzione italiana di Mariopaolo Fadda)

United Architects è una coalizione internazionale di sei studi professionali:
FOA (London/Yokohama)
Greg Lynn (Los Angeles)
Imaginary Forces (Los Angeles/New York)
Kevin Kennon Architect (New York)
Reiser+Unemoto (New York)
UNStudio (Amsterdam).

Intervista a Greg Lynn 11 maggio 2004

AntiTHesi: Lei è uno dei fondatori di United Architects, un nuovo tipo di partnership che potrebbe cambiare radicalmente la professione, guidandola dal modello del "solo-star" (una "nozione del 19° secolo", ha detto Viñoly) a uno dove prevale lo sforzo collettivo. Terence Riley, al contrario, pensa che l'"ego" sia molto importante in architettura. Ci potrebbe dire cosa pensa lei in proposito?

Greg Lynn: In certe situazioni, come il concorso per la progettazione del WTC, è importante, per una generazione di gente creativa che la pensa allo stesso modo, precisare quelle che sono le questioni critiche per la progettazione in una più ampia sfera culturale così come nel più ristretto ambito della propria disciplina. La pubblicazione dei Five Architects, le riunioni di vertice del Team Ten, la biennale del post-modern a Venezia a metà degli anni 80, il CIAM, sono esempi che ci mostrano come architetti con un forte ego si ritrovarono insieme per articolare una visione comune. Dopo quegli avvenimenti tornarono tutti a competere l'uno contro l'altro, nel modo abituale. Questo è ciò che United Architects era ed è. Mettersi insieme per stabilire una base comune attraverso cui definire le proprie posizioni individuali. Credo che ci sia bisogno sia dei professionisti che lavorano in forma individuale che di quelli che lo fanno collettivamente. Questo è quello che è sempre avvenuto e che, presumo, continuerà ad avvenire. Gli iconoclasti isolati sono stati esaltati ma questo tipo di fenomeno di "Fountainhead"(1), di solito, allontana i progettisti dal confronto critico conducendoli verso l'obsolescenza e l'irrilevanza. Ci sono molti grandi architetti, come Siza o Zumthor, che cessano di evolvere e stagnano, perché non hanno confronto critico ed un minimo di rapporti con i loro colleghi. Gli architetti devono dibattere e quindi, per certi versi, lavorare collettivamente. Una coalizione di tipo progettuale quale quella di United Architects è, nella mia esperienza, più la regola che l'eccezione. Quindi, sono d'accordo con Terry e penso che ciò che lei ha chiamato il modello "solo-star" richieda momenti di focalizzazione collettiva.

A.: Questo nuovo tipo di partnerships sembra avere un significato fortemente anti-gerarchico. Sotamaa di Kivi, di Ocean Nord, dice che la sua partnership non ha un significato anti-gerarchico ma che le gerarchie cambiano da un progetto all'altro. Come funzionano le gerarchie in United Architects?

G. L.: Tutti noi abbiamo assunto ruoli specializzati, quasi come caricature di noi stessi. Penso che noi tutti ci consideriamo esperti di architettura e urbanistica in ogni sfaccettatura ma quando ci mettiamo insieme assumiamo i ruoli di specialisti in infrastrutture, paesaggio, volumetrie, geometria, programmazione, ecc.… Le gerarchie emergono in effetti dalla geografia della collaborazione. Chiunque è del posto assume su di sè più responsabilità come pure chiunque abbia la capacità di contribuire alla forza-lavoro del progetto. In termini di ruoli e di responsabilità nell'ambito del processo creativo, questi sono per lo più basati sul ruolo che gioca ciascuna delle nostre capacità e specialità.

A.: L'idea, a Ground Zero, di creare "una banda continua che collega tra loro [le costruzioni] al 60 piano sopra il livello terra" come ha scritto Nicolai Ouroussoff sul Los Angeles Times, era, forse, l'idea più innovativa del concorso. Lei pensa realmente che "la città nel cielo" sia il futuro delle nostre città?

G. L.: Credo che ci fosse la possibilità per una partnership tra entità pubbliche come il LMDC (Lower Manhattan Devolopment Corporation), il comune di New York, lo Stato di New York ed il governo federale; entità semipubbliche come il PANY/NJ (l'autorità portuale di New York e New Jersey), e gli imprenditori privati come Larry Silverstein. Alla fine queste partnerships sono state poste in essere e questa è la sola maniera possibile per un grande progetto come la ricostruzione del WTC. Il nostro suggerimento era che questa partnership avrebbe potuto generare una nuova tipologia costruttiva per alti edifici così come dar vita ad una nuova espressione sociale nella città e ad un nuovo simbolo nello skyline. Il concetto dell'unione delle torri era legato a questa idea, basata sulla partnership pubblico/privati, di una nuova tipologia di alti ed ampi edifici. Ogni torre è letteralmente e finanziariamente indipendente ma collegata alle altre in diversi punti per creare "la città nel cielo", così come al livello terra uno spazio pubblico circonda l'area delle impronte delle torri originarie del WTC. La realizzazione in grande scala di uno spazio civico al di fuori di disparate torri è possibile soltanto con un tipo nuovo di pianificazione, finanziamento e con un nuovo processo progettuale. É questa una ventata di futuro? Forse. Noi stavamo giusto tentando di esprimerci e di trarre vantaggio da una situazione che stava modellando lo sviluppo dell'area. Penso che il futuro dei grandi complessi possa essere nel rendere visibili in forma costruita questi tipi di strutture pubbliche e private.

A.: La partecipazione pubblica al concorso di Ground Zero è stata un'argomento molto forte. Ha questo influenzato in qualche modo il vostro progetto?

G. L.: Per essere franco, ci incontravamo con i rappresentanti dei governi federale, statale e municipale, con l'autorità portuale e il MTA, e con le famiglie di vittime ogni 7-10 giorni. Il bisogno di occuparsi di tutti i loro interessi e di tutte le loro aspettative è stata la forza motrice che ha guidato il progetto. La sola vera ipotesi che abbiamo fatto partecipando al processo progettuale era l'idea dell'unione delle torri che avrebbe risolto il problema architettonico in corso e cioè quello di rendere compatibile un edificio voluminoso inclinato con i requisiti necessari per la realizzazione degli ascensori verticali e le piastre uniformi per gli uffici da affittare. Ogni altra decisione è venuta dalla partecipazione ad un processo pubblico senza precedenti.

(1) - The Fountainhead è il titolo del romanzo di Ayn Rand, pubblicato nel 1943, che racconta la storia di Howard Roark, un architetto che esalta appassionatamente il potenziale creativo individuale.



(Mariopaolo Fadda - 15/5/2004)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Mariopaolo Fadda
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti
1 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 740 di Fausto Capitano del 03/06/2004


Quando esplorai l'area web del gruppo, fui subito colpito dal numero di teste e dall'assenza manifesta di un leader creativo. L'idea di squadra "alla pari" incarna i piccoli sogni di ogni progettista dotato, da Madre Natura, di una buona dose di socialità, che nelle circostanze citate si traduce in desiderio di comunicare emozioni, di aprirsi all'altro, di "lasciare un segno", insieme. Nell'occasione di quella esplorazione, visionai il filmato relativo al Progetto WTC: l'installazione mega galattica si fa fregio di un "valore d'uso" aggiunto, che nasce da una memoria tragica e da un rinnovato sentimento collettivo. Essa prende forma dalla contingenza, si erge con sorpresa e fascino. Emana una soluzione tipologica (transfusa, frame dopo frame, di nuvole e riflessi d'alba!) che si vuole porre alla stregua di un "termine di confronto" per nuove proposizioni architettoniche dell'insediamento intensivo umano. La creatura non incarna un processo irreversibile di residenzialità economico_produttiva, ma si fa portatrice sana di un'idea di "città più sentimentale". NO agli "spilloni d'acciaio" irti verso il cielo con indipendenza e indifferenza. SI alle "instabili traiettorie fuse" che trovano equilibrio nell'unione, "nella partecipazione", nell'orizzontalità. Quella del gruppo è una riflessione tipologica che cerca di stabilire una particolare "circolarità del pensiero sociale" all'interno del processo creativo: i caratteri di una comunità ferita, impaurita ed emozionabile, diventano variabili di forma; la forma cresce dalle attese modalità d'uso, dalle molteplici culture degli utenti, dalle erosioni strutturali della società terrorizzata. Il prodotto, icona parametrica di un desiderio di comunità e di "comunione", si alza con presunta dolcezza e sicura forza strutturale, pronta per essere sottoposta al vaglio dell'uso sociale. In sostanza, il filmato è divertente, ma non esaustivo: l'oggetto architettonico è più che altro percepito dalle espressioni della gente e dall'ombra portata sulle strade e sugli altri edifici. Il messaggio emotivo è la chiave (come lo stesso Greg sottolinea). La forma dell'installazione è ancora "solo un passaggio" verso "altre soglie". Altre soglie, altri orizzonti, che visioneremo in luoghi diversi da quello in oggetto, dato che per il futuro del WTC sono state scelte un'altra icona, altre emozioni, altre storie. Buon lavoro ad "United Architects", portatori di un senso di gruppo che è sempre "buona cosa".

Tutti i commenti di Fausto Capitano

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]



<