Giornale di Critica dell'Architettura
Opinioni

Abbasso gli architetti e le loro ''Tombe dell'architettura''

di Gian Paolo Manfredini - 17/9/2008


“L’arte è ciò che è capace di fare di un’opera un enigma”
KARL KRAUS

“...è il momento disperato in cui si scopre che quest’impero che ci era sembrato la somma di tutte le meraviglie è uno sfacelo senza fine né forma, che la sua costruzione è troppo incancrenita perché il nostro scettro possa mettervi riparo...”
ITALO CALVINO

Sfidare, andare “oltre il costruire”, è lo slogan corredato dalla vaghezza e ambiguità di altri assunti teorici solenni enunciati dall’americano A. Betsky, di formazione olandese, che ha diretto e curato la 11° Biennale Architettura di Venezia, insieme ad altri suoi accoliti, quali Saskia, Zaha, Frank O., Emiliano, Massimiliano...
Ci viene presentato un campionario non sempre convincente di installazioni-manifesto, di visioni ed esperimenti - a dir poco in contraddizione - secondo codici labirintici e incontrollati nonostante concorrano gli oltrearchitetti, gli immancabili ‘Fuffas’ internazionali e gli idolatri dell’edificazione ovunque e comunque.
È stato acutamente rilevato che, forse, è impresa vana invitare gli architetti a rifiutarsi di costruire edifici “tombe dell’architettura”, quando si sa che l’architettura è eterodiretta dal mercato immobiliare, fagocitata dalla società massmediologica e dello spettacolo, come ormai risulta per il Sistema delle arti.
E non è altrettanto sciagurato pretendere che gli architetti siano degli artisti visivi che concepiscono gli edifici come immagini di brand al servizio di un populismo mercantile, celebrativo dei luoghi della competizione, della speculazione e del divertimento ?
Alcune delle gratuite affermazioni teoriche dei cinque cataloghi taglienti (per il loro sofisticato contenitore di plastica!) del Betsky-pensiero finiscono per dare sostegno alla novità per la novità, alle bizzarre diversificazioni e alle stranezze a-topiche di effetti scenografici di simulazioni concentrati sulle risposte alla cultura dei consumi, ossia al fine di incrementare esattamente il contrario delle opere di architettura, che hanno sempre assunto al compito di “costruire poeticamente” (cfr Novalis, Heidegger...).
Come è possibile poi dichiarare che l’architettura non debba dare risposte, bensì aiutare le persone a porsi delle domande? Non è sempre stato piuttosto il compito istituzionale di altre discipline come la filosofia?
Da sempre, le opere di architettura - come di ogni altra pratica artistica - hanno posto con la propria forma e la loro specificità interrogativi e, nei secoli, sono state capaci di produrre significati e valori che hanno avuto le più varie interpretazioni.
Forse che gli architetti debbano tenerci lontani dall’avanzare qualche risposta alle contraddizioni sociali e al caos urbano e debbano alzare inni alla precarietà con installazioni provvisorie dove l’idea di durata non trovi più la connessione con la pratica del costruire e gli scopi dell’abitare. E, pertanto, addio alle speranze migliori di una comunità e all’impegno per le responsabilità urbane?


(Gian Paolo Manfredini - 17/9/2008)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Gian Paolo Manfredini
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti
2 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 6465 di RENZO mARRUCCI del 25/09/2008


La Biennale di A. Betsky una performance poco chiara…
Biennale assai modesta che si esercita in un contributo privo di un reale contesto critico efficace rispetto alla realtà delle problematiche che affliggono la ricerca architettonica nel suo rapporto diretto con la città e l'ambiente.Tempo sostanzialmente perduto… in vezzi e contorsionismi intellettualistici devianti in quanto aristocratici nel senso più retrivo del termine. Si conferma la tuttologia pretestuosa di una ricerca di elite…Che non RIESCE HA MANTENERE LE COORDINATE DEL REALE e si rifugia nel vago indecifrabile mondo dell'onirico... ma fuori del nostro mondo e ci rimane ritagliandosi un fantomatico diritto-dovere di starci... Mentre lo sforzo vero è quello di portare nella realtà i contenuti e tradurli in grado di fornire idee per aiutare e migliorare il nostro rapporto nel mondo migliorando la vita dell'uomo. Questa biennale la possiamo leggere come una fuga intellettuale e servile dalla realtà.
Soldi spesi male purtroppo...come troppo spesso accade...in questo nostro emblematico paese.
Renzo Marrucci
Milano, 26-09-2008

Tutti i commenti di RENZO mARRUCCI

 

2 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 6418 di renzo marrucci del 19/09/2008


Viva gli architetti che nutrono speranze di vita mediante il pensiero dell'architettura intesa come un mezzo per rendere la permanenza su questo mondo il meno infelice che sia possibile...Potrà ssere un pen
siero retorico? Non credo! Semmai una ingenua espressione di confronto e di speranza nella fiducia di una professione che deve riguadagnare il suo senso della società. Ingenua perchè in mezzo a tanta certezza tira di più il carro di chi si dimentica che il giorno scorre accanto all'altro... in un alternarsi di luci e di ombre, di cose fatte senza troppo pensarci e in una sperimentazione fagocitata nel ritmo senza il tempo del pensiero...della riflessione...ma sull'impronta dei programmi fatti al tavolo di una cinica, ansiosa rappresentazione della realtà.
Non tombe ma veri encefalogrammi celebrativi nello spazio-tempo della cultura dell'immagine... che si stinge nella fragile frenesia della sperimentazione come se fosse cultura della materia che si consuma...

Tutti i commenti di renzo marrucci

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]



<