Giornale di Critica dell'Architettura

1 commenti di Cristina D'angelo

Commento 122 del 01/05/2002
relativo all'articolo Dell'Imprinting nell'architettura siciliana
di Antonino Saggio


Per chi come me non è mai stato in Sicilia, l'articolo " DELL'IMPRINTING NELL'ARCHITETTURA SICILIANA" è come un viaggio virtuale nella storia di questa terra, attraverso le impressioni, associazioni, ricordi,deduzioni, domande di chi osserva. Come termini di confronto ho le descrizioni letterarie di questi luoghi, e l'idea che mi sono fatta collima con quanto viene descritto nell'articolo.
Tanti sono i punti interessanti, primo tra tutti quello di CONTESTO come TESSITURA. E' una parola che descrive in maniera efficace tutti gli aspetti più o meno complessi che il termine contesto riassume: come non averci mai pensato?
Tra le riflessioni c'è poi una piccola lezione di storia dell'urbanistica riassunta nella parola IMPRINTING. Ed eccomi spiegate le straordinarie differenze tra Nord ,Centro e Sud, le contaminazioni e le caratteristiche tipiche di certi luoghi.
Capisco meglio il perchè i romani, esportatori in tutto il mondo del Cardo e Decumano, non lo abbiano poi applicato nella stessa Roma, la città aveva un imprinting diverso: quello etrusco!
Bella cosa quando uno scritto invita alla riflessione, alla curiosità e porsi delle domande.
CRISTINA D'ANGELO

[Torna su]