Giornale di Critica dell'Architettura

1 commenti di Davide Donati

Commento 9250 del 29/01/2011
relativo all'articolo Dorigati a Pavia. Ingresso al mercato coperto. Let
di Giueppe Zappelloni


Siamo ormai abituati alla brutalitÓ delle architetture di Dorigati. La chiesa di Petosino doveva essere un ambiente ipogeo, Ŕ risultato uno scatolone di ferro e vetro artificiosamente incassato nella montagna. Gli edifici residenziali di Abitare Milano dovevano configurare una rivisitazione del "borgo", ne Ŕ risultato invece un impattante patchwork di pannelli ipercolorati mal rifiniti.
Quello che sembra contare per Dorigati Ŕ l'architettura come gesto brutale, come "voler esser-ci".

[Torna su]