Giornale di Critica dell'Architettura

2 commenti di Ermelinda Tuzzi

Commento 661 del 15/02/2004
relativo all'articolo Luce di stelle
di Mariopaolo Fadda


Caro Fadda,
tradurre non è il mio mestiere; mi sono rivolta a lei perché ha preso una iniziativa in tal senso e certo lo sa fare (difatti batte cassa, sigh..). Ma sono certa che i lettori sapranno armarsi di pazienza e gustarsi in originale l'articolo da me indicato.
Quanto al destinatario del commento, lei forse non conosce il detto: "parlare a nuora perché suocera intenda"...
Saluti.

[Torna su]

15/2/2004 - Mariopaolo Fadda risponde

Cara Tucci,
Tradurre non è neanche il mio mestiere e se l’ho fatto è perchè volevo che anche chi non conosce l’inglese avesse l’opportunità di leggere quell’articolo. Lei si limita alle battutine. E invitata ad approfondire se ne lava le mani ( “i lettori sapranno armarsi di pazienza...”) e risponde con le battutine sulle suocere.
Ma non ha altro di meglio da fare?

Commento 660 del 14/02/2004
relativo all'articolo Luce di stelle
di Mariopaolo Fadda


Due brevi osservazioni all'articolo dell'Architectural Record:
1) invito Fadda a tradurre anche lo scritto apparso a firma di Ann Wilson Lloyd sul NY Times del 25 gennaio dal titolo "If the Museum Itself Is an Artwork, What About the Art Inside?" sulla chiusura del Bellevue Art Museum, "a three-year-old avant-garde edifice designed by the New York architect Stephen Holl" in cui sono magistralmente evidenziati gli effetti della capacità (sigh) di certe architetture di "reindirizzare il nostro modo di pensare offrendo contemporaneamente, ai clienti e al grande pubblico, più confortevoli modi di vita e di lavoro";
2) il concetto di "building blocks" della chiesa d Dio Padre Misericordioso a Roma è per intero ascrivibile al prof. Antonio Michetti e non certo a Richard Meier che in quelle curve avrebbe da par suo instillato la sua solita impalpabile griglia (cfr. pure Ara Pacis, sigh sigh sigh)
Grazie, saluti a tutti.

[Torna su]

14/2/2004 - Mariopaolo Fadda risponde

Cara Tuzzi
A pagamento le tradurrei tutto il New York Times del 25 gennaio.
Perchè non traduce lei gli articoli che pensa possano interessare i lettori di antiTHeSi?
Per quanto riguarda le osservazioni, sigh compresi, può farle direttamente a Ivy; questa l’e-mail: rivy@mcgraw-hill.com.