Giornale di Critica dell'Architettura

1 commenti di Letizia Masi

Commento 353 del 06/11/2003
relativo all'articolo Ventate Accademiche
di Giovanni Bartolozzi


Sono iscritta alla Facoltà di Architettura dal lontano 1982/83; ho 40 anni e non mi sono ancora laureata; forse sono una vittima di quegli orrendi anni'80, fatti di aule strapiene di gente e di fumo, di lezioni spaventosamente inutili, di code per revisioni che non portavano a nulla e di postulati che dovevano essere presi come tali e basta. Uno di questi era il fallimento del Movimento Moderno e di tutti i mostri che aveva creato, quindi fior di discorsi su Sorgane o le Piagge che dovevano in qualche modo servire da lavaggio del cervello per noi giovani futuri architetti, per non doversi ritrovare a scivolare di nuovo su quella stessa buccia di banana.
Per molti anni mi sono completamente staccata dagli studi, dopo che per molti altri ne avevo sentite e subite di tutti i colori e di tutti gli stili, compreso il Post Moderno o il Modernismo. Ho lavorato per un po' e poi mi sono decisa a continuare gli studi, ma mi sono accorta che la situazione in Facoltà è peggiorata. Sono capitata per caso sul vostro sito perché stavo cercando del materiale per un esame che ha per oggetto i disegni e i progetti di Leon Krier; ho scelto io questo autore, ma mi sono resa conto che la mia non è stata una scelta cosciente: ero davanti al professore e dovevo in qualche secondo decidere il tema del mio esame, ed ecco che, quasi in trance, mi esce un sommesso "Leon Krier". Questa è la dimostrazione che il lavaggio del cervello ha funzionato veramente su di me, e ora sono qui a disegnare tempietti per questo ennesimo voto sul libretto.
Ecco, appunto, solo per un voto sul libretto mi presto ad occuparmi di cose o persone che andavano di moda negli anni '80, perché di questo mi pare che si tratti, dato che non si trova neanche tanto materiale al riguardo.

[Torna su]