Giornale di Critica dell'Architettura

1 commenti di Manganello Gaetano

Commento 7570 del 01/11/2009
relativo all'articolo Opere faraoniche e tragedie annunciate 3
di Leandro Janni


Il ponte sullo stretto come priorità mi sembra inaccettabile, in un territorio privo delle primarie infrastrutture, rete ferroviaria e autostradale, si vuole assolutamente realizzare un ponte che sconvolgerebbe il sistema paesaggistico dello stretto, in primo luogo con le opere complementari di collegamento al suolo delle due sponde!
Meglio più aeroporti, più autostrade, più ferrovie, che un ponte che colleghi il nulla al nulla.
Siciliani svegliatevi !!! , è ora di reclamare per la Sicilia uno status coerente con la sua storia e la sua millenaria cultura. Basta con le false promesse, vogliamo che il nostro territorio sia valorizzato e che vengano demolite tutte le oscenità che deturpano la nostra isola. Valorizziamo la Bellezza, e per evitare equivoci, scrivo che il Bello non è soltanto l'antico, ma anche il contemporaneo se espresso da una sensibilità artistica. Alla Sicilia serve un'architettura contemporanea di qualità, non la museificazione del suo territorio. Serve un sistema di pianificazione territoriale che oltre a una rigorosa tutela avvii una nuova progettualità; servono nuove leggi e in primo luogo serve una nuova classe politica, più autonoma e meno sottomessa ai governi nazionali.
Serve un sistema meritocratico per la promozione di una nuova classe dirigente.
La realtà è quella delle tragedie annunciate, del territorio devastato e a rischio idrogelogico; adoperiamoci per le vere priorità, le false lasciamole alla propaganda della brutta politica.

[Torna su]