Giornale di Critica dell'Architettura
5 Articoli di Franco Porto

Kengo Kuma: Selected Work 1994-2004 - Una mostra sull’anti-disposizione degli oggetti in natura


di Franco Porto - 29/8/2005

Il Palazzo del Governo della Provincia di Siracusa, in via Roma 32 fino al 30 settembre 2005, ospita la mostra itinerante dal titolo "Selected Work 1994 - 2004" dell'architetto giapponese Kengo Kuma. L'evento, frutto della collaborazione tra la Provincia regionale di Siracusa e la Facoltà di Architettura, è la prima monografica itinerante allestita in Italia sull'opera del maestro Kuma ed è curata da Luigi Alini, autore della monografia Kengo Kuma (Opere e progetti, pu...(continua)
[Torna su]


Delimitare gli spazi della modificabilità


di Franco Porto - 2/5/2005

In Italia lo strumento del Concorso, di idee o di progettazione, è tra le modalità di affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria. L’Istituto Nazionale di Architettura, fondato nel 1959 da un’idea del Prof. Bruno Zevi, ha accolto con convinzione l’invito a partecipare all’organizzazione del concorso “Cinque piazze a Catania” con l’obiettivo di sostenere una iniziativa che, speriamo grazie anche al contributo della nostra organizzazione, si appresta a divenire ricorrente. ...(continua)
[Torna su]


Poche idee e progetti parziali


di Franco Porto - 21/12/2004

A conclusione del Il Convegno sulla Conservazione, la Tutela e la Valorizzazione della Villa Romana di Piazza Armerina, svoltosi lo scorso 11 dicembre, pubblichiamo le considerazioni di Franco Porto, il presidente dell'In/arch Sicilia che ha fortemente voluto il convegno affinchè si potesse fare il punto della situazione.
...(continua)
[Torna su]


Architettura a Sciacca: Conversazioni senza i progetti


di Franco Porto - 19/5/2002

La scommessa è vinta: l'organizzazione di un evento in una delle città più suggestive della Sicilia, ma anche tra le meno collegate, si è svolto con grande riscontro di pubblico proveniente da tutta l'isola e con l'approfondimento di tutte le tematiche previste. Non era facile invece convincere e coinvolgere la comunità del luogo, compresi gli addetti ai lavori, che ha preferito spiare dagli scuri socchiusi o dai servizi delle televisioni locali; eppure si parlava anche dei loro problemi, uno de...(continua)
[Torna su]


I nodi da tagliare della specificità siciliana


di Franco Porto - 26/4/2002

Partendo da molto lontano, ma in breve sintesi, si può dire che tutto comincia nel corso del II° millennio a. C., con lo sbarco dei primi invasori venuti dall'Est (forse Cretesi), detti i Siculi che ricacciano nelle zone più disagiate dell'isola gli antichi Sicani. A seguire poi i Greci ed i Cartaginesi, i Romani, i Vandali, i Bizantini, gli Arabi, i Normanni, i Germani, i Francesi (con il martedì di Pasqua del 1282 davanti la Chiesa di S. Spirito a Palermo, e che la storia chiamò "I Vespri sici...(continua)
[Torna su]