Giornale di Critica dell'Architettura

design

Gillo Dorfles (1910-2018)


di Gianni Marcarino - 18/3/2018

Si è spento Gillo Dorfles. Se ne è andato ai primi di marzo nella sua casa di Milano.
Critico d’arte e artista era nato nel 1910 a Trieste, ancora cittadino dell’impero asburgico.
Dopo una laurea in medicina decise di occuparsi del mondo che più lo interessava , il mondo dell’arte, fondando con altri artisti il MAC, Movimento per l’Arte Concreta. Fu anche tra in fondatori, nel 1956, di ADI, Associazione per il Disegno Industriale, tuttora ente essenziale per diffondere ...(continua)
[Torna su]

La vecchia giacca nuova


di Gianni Marcarino - 31/10/2017

Paolo Conte canta che la gente più che carezze vuole certezze.
Dalla rivoluzione industriale in poi quello che la modernità andava cercando erano nuovi oggetti, forme e materiali creati per soddisfare le esigenze nate dalla crescente richiesta di beni da parte di una grande massa di persone, di nuovi consumatori, fino a quel momento esclusi dalla giostra del benessere.
Era continuo il rapporto tra sviluppo economico, disponibilità di merci e innovazione tecnologica ed artistica.
...(continua)
[Torna su]

La Fiera e la Moda


di Gianni Marcarino - 24/4/2011

La Fiera del Mobile di Milano anche quest'anno ha suscitato un grande interesse ed i media si sono buttati a capofitto nella cronaca e nel commento delle giornate dedicate al mondo dell'arredo e del design.
Mi ha colpito un lungo servizio del TG5. E' stata esaltata una variegata passerella di stilisti con le loro ultime creazioni legate al gusto della maison....(continua)
[Torna su]

Di Lusso


di Gianni Marcarino - 11/1/2009

Un amico mi consiglia un libro: De Luxe di Dana Thomas, (De Agostini). Il sottotitolo è già una dichiarazione: Come i grandi marchi hanno spento il lusso. L’autrice è una giornalista di moda che ha scandagliato a fondo il mondo griffato della cosiddetta”industria dei beni di lusso”. Storia di aziende e personaggi, interviste, fatturati ed una tesi: l’arte di produrre oggetti esclusivi è stata sostituita da un unico obiettivo, il profitto.
Un tempo lo stilista era fondatore e p...(continua)
[Torna su]

ADI


di Gianni Marcarino - 13/7/2006

Lunedì 10 luglio sono stato invitato presso la sede ADI, in Milano, ad un incontro per definire la nascita della Delegazione Distribuzione omonima.
ADI, ovvero Associazione per il Disegno Industriale che riunisce dal 1956 progettisti, imprese, ricercatori, insegnanti, critici e giornalisti intorno ai temi del design.
Per l'ADI il design è la progettazione culturalmente consapevole, l'interfaccia tra la domanda individuale e collettiva della società e l'offerta dei produttori. I...(continua)
[Torna su]

Design inerba


di Gianni Marcarino - 2/11/2003

"La storia di questo oggetto: "erba voglio" (nome del tavolino) è nato così per gioco, facendo girare la matita sul foglio bianco cosa che capita soprattutto nelle ore notturne dopo una giornata di "copia-incolla" o peggio "specchia" davanti ad un PC.
L’oggetto è vivo, ha bisogno di cure, va innaffiato, potato, concimato e non solo spolverato ed osservato dai potenziali fruitori (negazione del concetto della massaia/o con il pallino dell’ordine e della pulizia es. p...(continua)
[Torna su]

Londra. 100% design


di Gianni Marcarino - 4/10/2003

Sul Sole 24 ore di Domenica 28 Settembre, Joseph Grima racconta il primo London Design Festival.
Tra i promotori, Terence Conran, figura mitica del Design inglese, creatore dei negozi Habitat già negli anni '60. Scopo della manifestazione è creare un rapporto tra designer, produttori e ricercatori, attraverso eventi quali l'expo d'interni 100%Design, 100%Guaranted ed il World Creative Forum, punto d'incontro tra personaggi e figure eterogenee, tratte da ogni disciplina, da Daniel Libeskind ...(continua)
[Torna su]

Contro-contro design


di Gianni Marcarino - 15/9/2002

Philippe Starck ha disegnato, o forse solo ridisegnato,una serie di elementi per bagno, prodotti in gran serie dalla Duravit e destinati, ovviamemente, ai grandi numeri, alla gran distribuzione, alle forniture. Il prezzo di questi accessori deve essere per sua natura contenuto ed il lavoro di un designer di fama e qualità come Starck è quello di dare dignità estetica a prodotti normalmente abbrutiti dalla presunzione di dare fogge “classiche”, in stile, senza peraltro usare ironia o cattiveria a...(continua)
[Torna su]

Enzo Mari


di Gianni Marcarino - 22/7/2002

Enzo Mari, in un intervista concessa a Federmobili (n. 5 del 2002) conferma la sua posizione critica verso il marketing e gran parte della produzione industriale attuale.
“ Per me il vero design è di chi produce non di chi compra”: Questo pensiero sintetizza un modo chiaro di vedere il design come percorso che parte da una filosofia di fondo del progettista, il quale incontra l’artigiano/industriale produttore disponibile a condividere una strada comune. Nascono così prodotti con un conten...(continua)
[Torna su]

Architettura e design


di Gianni Marcarino - 26/5/2002

Si può stabilire oggi un ordine gerarchico tra design, in particolare quello "domestico", ed architettura?
Chi lavora nel campo dell'arredo si trova nella condizione di completare lo spazio con oggetti che hanno il compito di qualificare, di porre accenti, di soddisfare funzioni materiali e spirituali. Spesso è lo stesso architetto che ha pensato l'edificio a scegliere gli arredi; a volte questo compito viene demandato allo specialista, all'arredatore.
Questo primo aspetto pone un ...(continua)
[Torna su]

Design, Arte? Moda?


di Gianni Marcarino - 16/12/2001

Nel numero 340 della rivista Arte,  Alessandra Redaelli , a proposito di industrial design,propone un'intervista all'architetto Piero Lissoni   art director di Boffi, nota azienda produttrice di mobili per bagno e cucina.
Il tema è lo"stile " minimal: "dominanza di linee orizzontali e verticali, niente sbavature, niente che non sia assolutamente indispensabile". Tanto che Lissoni contesta il ter...(continua)
[Torna su]


Design: vita o monumento?


di Gianni Marcarino - 30/5/2001

Riflessione di mezza estate: perché l’adesione a quella che potremmo definire un’evoluzione del gusto, dell’estetica verso nuove proposte ed esperienze sono un fatto acquisito in campi come la moda, l’abbigliamento, l’auto, diventa invece una faticosa via crucis quando si tratta d’architettura, d’arredo? Che cosa spinge il giovane professionista di sicuro prossimo successo ad affiancare una splendida (TT) Audi, un ‘abito di Prada ed una camera di plastica finto Barocco (piazzata magari in una pa...(continua)
[Torna su]

Arredo, architettura e società.


di Gianni Marcarino - 20/5/2001

Una visita al Salone del Mobile di Milano offre un panorama complessivo sull'arredamento.
L'occhio con cui guardo sedie, tavoli, divani, è quello di chi al museo osserva un quadro od una scultura. Analizzo la forma ,il colore ,il materiale; valuto l'aspetto qualitativo e cerco di immaginare anche una categoria estetica in cui incasellare il tutto; minimalista,pop,etnico…In un mondo che riflette per immagini, per elementi e per ambientazioni, l'evoluzione culturale degli ultimi decenni...(continua)
[Torna su]

Il design cambia il mondo?


di Gianni Marcarino - 15/4/2001

Ho letto su ECCODESIGN la risposta di Gloria Cerini all’articolo di Barbara Friedrich pubblicato su Interni n. 499.
Mi occupo di arredamento per mestiere nel senso che vendo mobili, tra cui oggetti di Zanotta , Moroso ed altri ( stop alla reclame…), ed ho trovato interessanti le Sue considerazioni circa l’attuale situazione di crisi del design.
Il lavoro mi consente di essere quotidianamente a contatto con gli at...(continua)
[Torna su]

Le riviste e la critica: neutralità o passione?


di Gianni Marcarino - 15/4/2001

Una rivista che si occupa di analizzare attraverso la presentazione e la critica dei prodotti ,l'evoluzione estetica, tecnica, culturale del fenomeno design , nel vostro caso il mondo della cucina, deve mantenere oppure no un ruolo di neutralità, cioè di cronaca degli eventi senza proporre una propria posizione, un proprio punto di vista critico iniziale?...(continua)
[Torna su]