Giornale di Critica dell'Architettura
Opinioni

2001 Firenze Ottobre 26. Fine di una logica

di Vincenzo De Gennaro - 10/11/2001


Architetti,
in questo giorno,
con il ruggito del “Leone senza criniera”,
dichiariamo morta
la logica del parricidio.


Non abbiamo più padri da dover “uccidere”.
Giovani gorilla che non hanno più un grande gorilla con cui doversi scontrare per diventare il Gorilla.
Le ideologie, i grandi avversari della cultura alta del novecento non esistono più.
La società cui appartenevano Zevi e i grandi Maestri non è più nel nostro orizzonte.
Il nostro è un nemico non più tradizionalmente figurato, chiaro e netto.
Esploso è anch’esso in una complessità difficile da configurare, nell’essenza virtuale.
La stessa avanguardia, prima elite, oggi di massa, si arricchisce nella sinergia della molteplicità delle individualità.
Già con la collana “La rivoluzione informatica” si assiste ad una importante fase di passaggio.
Quella che stiamo correndo non può e non deve essere una staffetta senza testimone.
Se il Moderno ha operato una rivoluzione della secolare spazialità brunelleschiana passando ad una concezione cubista sottilmente estesasi per tutto il novecento fino al culto dell’individualismo e della personalizzazione, ora occorre teorizzare una spazialità nuova, futurista, serialista nell’accezione germanica, che sappia proporsi come “dopo grado zero”.
Non si può essere zeviani se non nel cambiamento.
Dobbiamo rifondare la nostra architettura.
Troppe le falle per limitarsi ai rattoppi.
Lo zatterone dell’architettura moderna ha esaurito le sue energie.
Un secolo per avviarsi, mezzo per svilupparsi, un quarto per esaurirsi.
Cosa aspettiamo,
che l’acqua ci arrivi alla gola?
Béh, stiamo già affogando da molto tempo,
per chi non se ne è ancora reso conto!
E’ necessario, qui, non fermarsi.
Auspico la volontà di incontrarsi per dare inizio a lavori di teorizzazione di una architettura nuovamente “moderna”.
Propongo pertanto di assumere a base di questa rifondazione i testi di Antonino Saggio “NUOVE SOSTANZE. Un manifesto per un’architettura dell’informazione” e “New Subjectivity”.
Zevi ha vinto la sua tappa più importante:
lasciarci trottolanti nel grande potenziale vortice del “grado zero”,
della sua dodecafonia dell’architettura.
Sta a noi non collassare ma centrifugare orientati.
.
Ringrazio vivamente Giovanni Bartolozzi per aver voluto fortemente questa iniziativa, sia per l’opportunità di ampliamento della conoscenza di Zevi che, per molti di noi, essa ha rappresentato, che perché, son convinto, avrà il merito di aver innescato una riflessione profonda e lunga.

(Vincenzo De Gennaro - 10/11/2001)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Vincenzo De Gennaro
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti
1 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 308 di Arch. Franco Poli del 15/04/2003


E' drammatico, l'articolo segna la morte dell'Architettura, unica speranza "dobbiamo incontrarci", per rifondare una nuova Architettura.
L'Architetto, a mio parere, ha rappresentato nella stroria dell'umanità un'interprete delle culture dominanti, è quindi nell'essenza di tali classi si sviluppava la spinta vitale della composizione architettonica. Oggi il tessuto della nostra società è composito e mutevole e non permette, escluse rare eccezioni, l'affermarsi di tradizioni e dei simboli "architettonici" che le possano rappresentare.
Anche l'Urbanistica, mio amato interesse, ha subito la stessa sorte ed in quanto più giovane, come scienza codificata, è morta fanciulla.
Sarebbe grave mancanza non considerare però che i principali colpevoli del disastro sono proprio gli Architetti, che non hanno saputo evolvere il proprio ingegno e la propria opera al divenire degli eventi, con l'arroganza di costituire autonomamente guida e riferimento per lo svluppo dell'haditat umano, ora edifici, ora città, ora territorio .
Bisogna prima gurdarsi e poi vedersi, nello spirito di un'azione concertata e coordinata dell'uniteriatà intellettuale dalla cultura del progetto. Primo fondamentale passo la riformulazione delle regole che sovrintendono il costruire ed la trasformazione del territorio: leggi, regolamenti, piani urbanistici ed ambientali avvizziti in una caotica successione di provvedimenti settoriali dal 1941 ad oggi.
F.P.

P.S. Vi invito a visitare il sito in costruzione "www.poliarch.it

Tutti i commenti di Arch. Franco Poli

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]



<