Giornale di Critica dell'Architettura
Storia e Critica

Moderno trascurato?

di Sandro Lazier - 22/1/2002


Su Arch’it, nella sezione file, Carmen Andriani ci propone “Un'anticipazione di quanto, in modo più ampio ed integrato, sarà illustrato nel libro edito da METAPOLIS Press, di prossima pubblicazione” relativo al Convegno Internazionale di studi dal titolo "Il moderno trascurato: temi figure ed opere 1950/1960" tenuto presso la facoltà di Architettura di Pescara.
Due frasi del breve testo mi hanno parecchio irritato perché utilizzano presupposti falsi a sostegno di argomentazioni apparentemente vere.
La prima dice: ”La scelta dei due decenni, anni Cinquanta e Sessanta, discende da una ragione evidente: in diverse parti del mondo ed in modo quasi contemporaneo si avvia in quegli anni quel processo di revisione critica del moderno che comporterà una graduale ma implacabile frantumazione dei suoi codici.
Frantumazione dei suoi codici? Ma quali? La sostanza stessa della modernità è rinuncia di ogni codice arbitrario, è rifiuto della scrittura stilistica, della retorica e delle sue regole. E’, soprattutto, coscienza della propria condizione critica in assenza di regole necessarie. Quale crisi può dunque sorprendere chi della stessa ha fatto il suo destino? La modernità di crisi si è nutrita e continua a nutrirsi dentro una relazione simbiotica che nega qualsiasi ingerenza categorica. Chi non ha compreso questa semplice relazione ne è rimasto vittima, oppure se ne è allontanato rifugiandosi nel conforto della tradizione, trasfigurando la storia in leggenda, l’autenticità popolare in folclore, il gergo in vernacolo, giungendo all’assurdo di dichiarare estinto chi invece lo ha escluso e umiliato. Tutta la storia della modernità è storia di crisi. Gli anni cinquanta e sessanta ne sono prova, senza necessariamente dover ricorrere al balbettio del quotidiano. Perché si insiste a non comprendere le ragioni della modernità riducendone l’immagine a controfigura da irridere e canzonare?
La seconda dice:” In Italia i tracciati maestri della storiografia si scrivono nella storia di Bruno Zevi ed in quella di Leonardo Benevolo e sulle pagine della Casabella di Rogers che condurrà dal 53 al 65. La lente spessa dell’ideologia offusca il giudizio critico; il recupero delle valenze lasciate libere ha un prezzo: pur esplorando nuovi territori linguistici, deve essere garantita la continuità con il moderno; quello che non è sopportabile è l’idea di un suo fallimento e di una crisi che metta su una strada di non ritorno.
Credo che parlare di Zevi con su gli occhiali spessi dell’ideologia sia davvero troppo, anche per il più sprovveduto dei detrattori. L’uomo che ha esaltato l’organicismo e l’individualismo wrigthiano, che sono l’antitesi di un’idea meccanica, che ha subito l’ideologia – in forma critica e fisica - e l’ha combattuta su tutti i fronti, oggi, molto disinvoltamente, viene liquidato con la retorica postmoderna del sorpasso.
Probabilmente Carmen Andriani non conosce Zevi e dovrebbe astenersi dal citarlo a sproposito. Ne gioverebbe la cultura architettonica italiana che in queste condizioni veramente rischia la strada del fallimento e del non ritorno.
La storiografia zeviana, critica al punto da fondersi sintatticamente nella scrittura architettonica di trentamila anni di storia dell’umanità, può essere condivisa o meno ma non può essere ridotta a baluardo di una piccola modernità a misura dei post-pensanti. Siamo stanchi di semplificazioni esegetiche, di verdetti grossolani che hanno il solo scopo di avallare il nulla.

(Sandro Lazier - 22/1/2002)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Sandro Lazier
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti




<