Giornale di Critica dell'Architettura
Opinioni

A Giuseppe Terragni

di Paolo Marzano - 17/4/2004


Ho raccolto questo materiale per alcuni miei studi. Colgo l'occasione dell'anno di celebrazioni dedicato a Giuseppe Terragni per pubblicarlo. Altre iniziative hanno pubblicato, pubblicano e pubblicheranno altre bibliografie più dettagliate e magari più approfondite, sarebbe però interessante se a questi testi, voi lettori, ne aggiungeste di nuovi aumentando così il numero di scritti in onore dell'architetto italiano.
L'ultimo brano a piè di bibliografia riguarda la toccante conclusione della vita di Terragni. Mai come in questo momento possiamo comprendere come la guerra annienti qualunque verità e ponga fine alle rare energie creative, facendo arretrare la civiltà e la cultura faticosamente ricercate nel tempo.

Testi su Giuseppe Terragni :
Giuseppe Terragni, Ente Autonomo La Triennale di Milano-Centro Studi di G.Terragni e con la collaborazione del Centro internazionale di studi Andrea Palladio, Elemond Editori Associati, Venezia 1996.Rossi M. e Mantero E., (a cura di), Giuseppe Terragni 1904-1943 Expositive-zaal de doelen Rotterdam 7 maggio-7giugno 1982, ed. Cesare Nani-Como.
Fosso M. e Mantero E. (a cura di), Giuseppe Terragni 1904-1943,tipografia editrice Cesare Nani, Como.
Storia dell'arte italiana, Vol. III, Il Novecento di Ciucci G., Einaudi Torino, 1982.
Prima mostra commemorativa su Giuseppe Terragni, Noseda, Como, 1949.
Saggio A., Giuseppe Terragni-vita e opere, ed. Laterza 1995.
Fossati P., Limmagine sospesa, Einaudi, Torino, 1971.
Zevi B.(a cura di), Giuseppe Terargni, Zanichelli Editore, Bologna,1998.
Schumacher T., L'immagine della ragione - La Casa del Fascio di Giuseppe Terragni, Meroni Editrice, 1932/1936.
Terragni G., La città del razionalismo italiano, Dedalo, Bari, 1962.
Marcianò A.F., Giuseppe Terragni-opera completa 1925-43, Officina edizioni 1997.
Brunetti F., Architetti e fascismo, Alinea editrice, Firenze, 1993.
Eisenman P., La fine del classico, Edizioni Cluva, Venezia, 1988.
Eisenman P., Appunti sull'architettura concettuale, verso una definizione, in Casabella 344, gennaio 1970 pag. 38-41
Eisenman P., Dall'oggetto alla relazionalità, in Casabella 344, gennaio 1970 pag.38-41
Kurt W. F., Peter Eisenman a Cincinnati- progetto per il Design and Art, College of Design, Architecture, Art and Planning University, in Casabella LX n. 637, Settembre 1996.
Porretti S., La Casa del Fascio di Como, Monumenti dell'architettura/4, Carocci editore, aprile 1998.(pg 70 54 75 29 26 27 24 22 23 19)
Cattaneo C., Giovanni e Giuseppe - dialoghi di architettura, Ornella Selvafolta (a cura di), editrice Jaka Book, Milano, 1993.
De Seta C., La cultura architettonica in Italia tra le due guerre, Laterza, 1989.
Da From object to relationship: the casa del fascio by Terragni,
testi diriferimento per l'articolo di Eisenman:

  1. Rowe colin: "Chicago frame - Chicago's place, in the modern movement, in Architectural review, novembre 1956, pag 285-289.
  2. Bruno Zevi: "Scontro sull'eredità di Terragni, in L'architettura, luglio 1968, pag 143
  3. Per una spiegazione di questo concetto di struttura superficiale e di struttura profonda, si veda Noam Chomsky: Cartesian linguistics, Haroper and Row, New York and London, pagine 31-51(tradotto in italiano da nel volume III dei saggi linguistici di N.A. Chomsky, Filosofia del linguaggio: ricerche storiche e teoriche, pagine 71-128 I edizione Einaudi, Torino, 1969.
  4. Feurstein, Gunther: Architektur und Archetypus, in "Bau", 5-6 1966, pag 94-113.
  5. Rowe Colin e Robert Slutzky: Trasparenza letterale e fenomenica, in "Perspecta", Yale School of Architecture Magazine 1964. In questo articolo gli autori si riferiscono allo spazio in due modi relae e ideale.
  6. Un argomento similare è svolto per la facciata frontale a Garches da Colin Rowe e Robert Slutzky nel loro articolo: trasparenza..., già citato.
  7. Un analisi più completa della casa del Fascio può essere trovata nel mio libro di prossima edizione: Giuseppe Terragni-la logica delle forme in architettura.
  8. Barthes, Roland : The activity of structuralism, in "Form" 1, 1966, Cambridge, England, pagine 12-14.

Giuseppe Terragni opera completa 1925-43, pag. 146
"…Dopo aver sperimentato gli orrori della guerra e la tragedia della campagna di Russia crolla psichicamente. Rimpatriato d'urgenza su un treno ospedale il 20 gennaio 43, viene ricoverato in una clinica neurologica di Pavia , dove subisce una serie impressionante di elettroschock. Muore il 19 luglio, sulle scale dell'abitazione della fidanzata, Maria Casartelli. Ha ancora un progetto tra le mani: quello per una cattedrale modernissima studiato nelle pause dei rifugi invernali e in gran parte disperso. L'architettura è stata, quindi, il suo ultimo rifugio, la sua nemesi e, insieme, la sua catarsi come rileva Giolli nel memoriale (25 luglio 43)
Memoriale pubblicato il giorno del colpo di stato, il 25 luglio del '43" .
La foto di testa e stata tratta dal testo:
M.De Benedetti/ A.Pracchi, Antologia dell'architettura moderna, Zanichelli editore, 92.



(Paolo Marzano - 17/4/2004)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Paolo Marzano
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti




<