Giornale di Critica dell'Architettura
Opinioni

La voce di Zevi

di Marco Maria Sambo - 28/9/2006


Bruno Zevi aveva una voce forte, eclatante, decisa, dura, brutale, combattiva. Eppure, tra una piega e l’altra delle sue sfuriate, si percepiva sempre una fragilità, uno spazio aperto per la riflessione attenta, una voglia di confronto leale, un “saper ascoltare” rispettando, in ogni caso, l’avversario.
Ho avuto la fortuna, nella vita, di collaborare al libro dal titolo “Bruno Zevi e la città del duemila” (Rai-Eri, collana Centominuti-Saggi, a cura di Maria Cristina Tarantelli). Questo scritto è una raccolta di trasmissioni radiofoniche della Rai (con libro e audiocassetta) che Zevi fece prima di morire. In ogni puntata Bruno Zevi commentava una città d’arte italiana descrivendo i successi e gli insuccessi politico-architettonici, invitando di volta in volta un ospite a dialogare con lui.
Il mio lavoro consisteva nell’ascoltare la sua voce, adattandola per la stesura di un libro, mettendo virgole e punti esclamativi, riversando cioè in forma scritta un dialogo radiofonico.
Un’esperienza fantastica. Perché, ascoltando decine e decine di volte una voce, riesci a capire le sfumature dell’umore, la forza, la fragilità di chi parla. Ascoltare quella voce mi dava allegria, mi metteva in crisi, mi tirava su, mi buttava giù, nel profondo abisso di ciò che non capivo. E mi faceva riflettere, sempre. Mi faceva porre moltissime domande sulla cultura, sull’arte, sull’architettura. Senza trovare, nella maggior parte dei casi, risposte certe. Quella voce mi dava lo slancio per aprire un libro, per sfogliare l’architettura divorando le immagini, leggendo e rileggendo. Quella voce mi faceva sognare perché era autentica.
Credo che, oggi, quello spirito debba essere ripreso nella nostra contemporaneità. Altrimenti rischiamo, un po’ tutti, di addormentarci mentre parliamo. Figuriamoci poi se parlano gli altri. Abbiamo bisogno di slancio e di coinvolgimento per creare dibattito autentico e dialogo vivo, frizzante, aperto al futuro. E per far questo possiamo guardare, come sempre, al nostro passato, in questo caso un passato prossimo molto vicino.
Ascoltiamo la voce di Zevi, ogni tanto, per ricaricare le nostre batterie. Ne vale la pena.

(Marco Maria Sambo - 28/9/2006)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Marco Maria Sambo
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti




<