Giornale di Critica dell'Architettura
Storia e Critica

Deformazione culturale

di Sandro Lazier - 8/12/2017


Nell’anno scolastico 1967/68 frequentavo le scuole superiori di Aosta. Quali, sono un fatto mio privato: mi sono deformato culturalmente da solo e intendo mantenere incontaminato questo privilegio.
Provenivo da tre anni di collegio, passati dai Salesiani di Torino in via Medail. Tre anni scanditi da premi finali e medaglie per meriti di studio e disciplina. Il terzo anno, addirittura, fui premiato dall’ex allievo Oscar Luigi Scalfaro e, questo, per converso, avrei dovuto capire essere un segno di predestinazione all’insofferenza verso le “Istituzioni”. Dopo quel premio, infatti, mi chiesero d’arruolarmi tra i Salesiani, ma rifiutai.
Per raggiugere la scuola di Aosta, che distava circa un’ora di treno, viaggiavo in compagnia dei ragazzi che la locomotiva caricava di stazione in stazione. Erano gli anni dei pantaloni a zampa di elefante e dei complessi musicali. I Rolling Stones cantavano Ruby Tuesday e si ascoltava di nascosto il Volume I di De André. Piansi alla notizia della morte di Gigi Meroni, la farfalla del Torino, un calciatore con la testa della beat generation.
Non avevo mai provato un tale senso di vitale libertà. Questo era il clima all’arrivo del sessant’otto.
Sotto le Alpi Graie il sessant’otto arrivò all’improvviso, ma già carico d’ideologia. Ideologia politica di quelli che lo volevano cavalcare. Il clima che s’era creato aveva però l’aria d’essere aperto, partecipativo. Assemblee e sfilate mattutine sostituivano le ore di lezione. Assemblee dove si poteva democraticamente prendere la parola ma dove, infine, parlavano sempre gli stessi. Tanto che al terzo “cazzo! cioè, nel momento in cui…” decisi che le mattinate al biliardino del bar di fronte erano meglio rappresentative di quel senso impareggiabile di libertà e autodeterminazione che avevo scoperto da poco. Non mi aveva intruppato Oscar Luigi, figuriamoci l’armata rossa valdostana.
Mentre The Beatles cantavano Obladì obladà e Celentano, con Azzurro di Paolo Conte, riempiva le sere d’estate, la “fantasia al potere” trovava in me una versione autenticamente anarchica e genuinamente individualista, che avrebbe sicuramente formato l’uomo che sono adesso. Questo aspetto, che per molti potrebbe essere considerato un limite, ha però avuto il merito d’un grande pregio. Nessuno, allora, individualista o meno, pensava d’essere diverso dagli altri. Le diversità culturali, sociali o religiose erano seppellite dall’universalità della musica e dalle libertà che tutti i giovani pretendevano a gran voce, la libertà sessuale sopra tutte le altre. Qualsiasi valore, condiviso o meno, aveva il grande pregio d’essere universale.
Se posso dire d’aver vissuto un momento in cui tutti gli uomini navigavano sulla stessa barca, quello è stato il periodo sessantottino. Bianchi, neri, gialli, atei o religiosi, per me, e per tutti, s’era tutti fratelli.
Poi però le cose cambiarono e qui vengo al punto che giustifica questa lunga e personale premessa.
Cambiarono repentinamente, come tutte le cose che successero in quegli anni, e le lotte per le libertà personali si tramutarono presto in lotte di partito, in ideologie schierate che implicavano anche il modo di abbigliarsi. Trovai, durante gli anni dell'università, le stesse persone che contestavano le cattedre, dietro le cattedre. Non predicavano più l’universalità dei valori ma il loro esatto contrario: le differenze culturali, le specificità. Erano gli anni del pensiero debole, in cui l’identità del pensiero si organizzava intorno al pensiero dell’identità. Questione che intesi subito come un voltafaccia reazionario e che, paradossalmente, proveniva da quella che consideravo la parte migliore del corpo culturale del paese, tanto da sentirmi inadeguato nel contestare ciò che ritenevo un tradimento bello e buono. Un voltafaccia il quale, compresi più tardi leggendo qualche libro di storia, nutriva radici profonde, soprattutto in un paese che non aveva mai abbandonato del tutto l’idea della conservazione. La rivoluzione razionalista, da noi, dovette fare subito i conti col fascismo piacentiniano prima e con la torre Velasca milanese poi. A parte qualche sperimentazione solitaria, qualche boccata d’aria nuova dell’architettura organica promossa da un infaticabile Bruno Zevi, appariva evidente che la puzza di storia avrebbe finito per rigenerare il peggio del tradizionalismo travestito di modernismo. Il milanese Aldo Rossi, terminale principale di questa che io considero una effimera deriva culturale, in chiave palesemente caricaturale e riprendendo temi monumentali del ventennio fascista, condannava l’architettura italiana ad un ruolo essenzialmente scenografico, svuotato d’ogni potenziale d’innovazione di sostanza. L’assurda convinzione della supremazia dell’urbanistica sull’architettura, infine, legittimava l’idea che la sostanza dell’architettura, di fatto, risiedesse all’infuori di essa.
Ora abbiamo davanti agli occhi tutto il ciarpame storicista prodotto in questi anni fecondi d’idee al contrario. Anni dove l’architettura, che è arte a tutti gli effetti e quindi, al di là del suo valore intrinseco, creatrice e formatrice di consenso, ha formato consenso. Un consenso reazionario, introverso, pronto ad esaltare ogni differenza, ogni peculiarità, in un delirio identitario che esalta, nel nome della diversità, ogni meschineria culturale, razzismo compreso. Il mondo oggi più che mai ha bisogno di ritrovare i valori che uniscono e di abbandonare quelli che dividono. Valori universali, che sono sempre gli stessi e appartengono a tutti gli individui, senza distinzione di genere, razza o religione.
L’esaltazione del particolare, del peculiare, dell’italianità e altre goffaggini retoriche riferibili all’identità dei contesti, hanno prodotto i disastri che conosciamo sul piano architettonico e sociale, le cui ripercussioni politiche hanno trovato nel localismo regionale o nazionale il loro sfogo naturale.
Questo esito lo si poteva immaginare già alla fine degli anni settanta del secolo scorso.
Dovrei, quindi, aspettare che qualche luminare d’allora chieda venia, ma non sono così ingenuo.




(Sandro Lazier - 8/12/2017)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Sandro Lazier
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti
2 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 14674 di Sandro Lazier del 08/12/2017


Mai così attuale.
"Inseparabile dalla fede architettonica è la fede in alcuni principi generali di ordine politico e sociale. I seguenti principi costituiscono per noi le premesse ideali dell'Architettura Organica:
1) La libertà politica e la giustizia sociale sono elementi inscindibili per la costruzione di una società democratica. Tutti i fascismi, insieme a tutte le istituzioni che li hanno favoriti e che potrebbero farli rinascere, sono perciò da condannare.
2) E' necessaria una costituzione che garantisca ai cittadini la libertà di parola, stampa, associazione, culto; l'eguaglianza giuridica di razza, religione e sesso; il pieno esercizio della sovranità politica attraverso istituti fondati sul suffragio universale. Per nessuna ragione è giustificata l'oppressione delle libertà democratiche.
3) Accanto alle libertà democratico-individuali, la costituzione deve garantire al complesso dei cittadini le libertà sociali. Crediamo perciò nella socializzazione di quei complessi industriali, bancari ed agrari, i cui monopoli sono contrari agli interessi della collettività.
Crediamo nella liberazione delle forze del lavoro e nella fine dello sfruttamento del lavoro per fini egoistici.
Dobbiamo tendere ad una cooperazione internazionale dei popoli opponendoci a tutte quelle forme di miti e di risentimenti nazionalistici e autarchici che sono state cause e caratteristiche del fascismo.
Chiedere libertà e giustizia per la propria patria è giustificato nella misura in cui questa libertà e questa giustizia si identificano con la libertà e la giustizia per tutte le patrie...".
(Bruno Zevi - Fondazione dell' APAO 1945)

Tutti i commenti di Sandro Lazier

 

2 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 14673 di Guidu Antonietti del 08/12/2017


SOLILOQUE DE L’ARCHITECTE

https://fr.wikipedia.org/wiki/Soliloquie

Ca y est j’ai décidé
J’arrête l’Architecture,
je viens de racheter une boutique de fausses antiquités romaines
A Palerme !
Qui m’accompagne ?
Sauf si soudain l’envie me reprenait
D’exercer mon ancien métier :
accordeur de Piano…n’est-ce pas Rogers ?
Le thé est servie sur la terrasse …
De quoi discuter de la pertinence d’un bon choix d’ensoleillement …
Plein sud évidemment… quoique que le couchant, c’est bien aussi ..
Et si nous allions au concert ?
Rock, Jazz, ou musique baroque …
Andrea Palladio traçait bien ses esquisses
en compagnie de Claudio Monteverdi …
En préalable je vais tondre la pelouse ... 
Une façon comme une autre de tracer des lignes dans l'espace ... 
Ma façon à moi de faire du Land Art... 
Oui, Architecte devant sa page blanche ...
Vu que je ne suis né pas très loin de la tour de Pise 
je me dis que celle de Babel a de beaux jours devant elle … 
Oui, c’est bien en Italie que l’on a inventé la fonction oblique. 
Et de tour sans fin, moi … je n‘ai jamais eu besoin …
Sur un coin de table, 
j'ai toujours un bloc notes carré 
qui me permet à certains instants de dessiner 
ou d'écrire comme bon me semble. 
Ces instants privilégiés où je prends le stylo et ou je dessine 
sont de véritables minutes de détente et d'évasion. 
Dans ces instants, la main guide l'esprit... 
le temps que l'esprit reprenne la main.
J’ai toujours pensé que le palmier était bien plus qu’un arbre d’agrément,
Un graphisme jaillissant du stylo,
Qui ferait un beau contrepoint à une maison bleue …
La question c’est qu’il est bien plus facile de répandre de l’azur
Sur une façade simple
que de faire pousser un chamérops dans le désert…
Constructivisme…déconstructivisme ?
Au temps des cathédrales on y avait déjà pensé !
Non ?
L’Architecture est invariable …seul change ceux qui la font !
De nos jours ils ne sont plus anonymes …enfin presque plus !
Ce qui a changé c’est la manière de la communiquer !
D’ordinaire les Architectes
Dessinent peu les aménagements urbains de détails …
En France surtout…
Les ingénieurs des services techniques des villes traçant simplement
la plus courte logique de leurs réseaux avec l’aléatoire comme seul parti…
une exigence valant une autre…
C’est le regard qui en rétablissant la poétique du hasard des sols,
sait son essentielle reconstitution …
Je signe systématiquement mes bâtiments,
les maîtres d’ouvrage n’apprécient pas toujours …
Mais ils ne peuvent s’y opposer c’est inscrit dans la loi,
La qualité d’auteur d’un projet est imprescriptible.
Je ne l’ai encore jamais fait de façon autographe
J’y songe pourtant …
Serais-je appeler en justice pour dégradation d’édifice ?
Un nom qui commence par star et qui finit comme sark,
Une qui étoile qui brille un prédateur qui réussit,
L’homme identifié aux objets consommés …
Philipe Starck
Oui c’est ça nommer… se nommer…
Au fait Design cela veut dire dessin tout simplement…
Pourquoi les objets design sont souvent over design ?
Mon rêve serait d’organiser une expo de meubles quakers
Seulement conçus… mais sans dessin justement …
Certaines toiles de Chirico,
Qui sont manifestement provoquées par des sensations d'origine Architecturale,
Peuvent exercer une action en retour sur leur base objective,
Jusqu'à la transformer…
Elles tendent à devenir elles-mêmes des maquettes.
D'inquiétants quartiers d'arcades pourraient un jour continuer,
Et accomplir l'attirance de cette oeuvre.

Amitiés cher Sandro
Guidu

Tutti i commenti di Guidu Antonietti

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]



<