Giornale di Critica dell'Architettura
Università

Università per ricchi

di Luca Guido - 5/3/2011


Chi mi conosce, conosce bene anche la mia opinione sull’università e sulla riforma: penso che non serva alcuna riforma; le strutture universitarie, i loro apparati, i meccanismi di accesso all’insegnamento e alla ricerca andrebbero totalmente ripensati, rivoluzionati. Allo stesso modo gran parte del corpo docente dovrebbe essere rinnovato e sostituito: alludo ai professori privi di qualsiasi vocazione e incapaci di fornire reali stimoli di crescita civile e culturale. Nel testo della legge di riforma si era vista qualche rara buona intenzione, ma gli emendamenti sono stati capaci di peggiorare per quanto possibile la situazione. In particolare un emendamento “antiprecari”, palesemente discriminante, che come riferiscono le cronache è stato voluto dal Pd ed è passato quasi sotto silenzio sentenziando l’ ennesima congiuntura politica tra parti virtualmente avverse. Tale emendamento pone come requisito di idoneità all’insegnamento per gli incaricati non di ruolo un reddito superiore ai 40mila euro. Tutto questo per evitare forme di precariato, si giustificano i sottoscrittori dell’emendamento, poiché bisogna scontare il fatto che molti contratti sono gratuiti o per poche migliaia di euro per un semestre. E così molti, da precari diventano disoccupati. Potranno continuare a fare i precari come collaboratori alla didattica, tutor o esercitatori, regredendo ulteriormente nella scala sociale ed in quella dei titoli universitari. Inutile dire che il provvedimento colpisce i più giovani e i volontari, spesso sprovvisti del fatturato richiesto. Il merito misurato col reddito è una mortificante discriminazione partorita da menti obnubilate dall’ignoranza e dal pregiudizio, perché dimostrano tutta l’incapacità della politica di riflettere ed immaginare le conseguenze delle proprie azioni. Ad un mondo fatto di cultura, onestà ed immaginazione viene anteposto quello basato sul reddito, a destra come a sinistra. Un mondo basato sul consolidarsi dei diritti acquisiti in una forma primordiale ed ancestrale. Al di là di tutto ho avuto numerose rassicurazioni da docenti che tale articolo sarà modificato, così come altri articoli. Spero che sia così, ma nel frattempo credo che sia necessario parlarne e combattere l’inedia con l’azione.
Tuttavia nella vicenda c’è una cosa che mi lascia particolarmente amareggiato.
Giorgio Napolitano, nel promulgare la legge di riforma dell’università, ha contestualmente evidenziato “talune criticità”, aggiungendo malinconia a tristezza.
In una nota diffusa dal Quirinale ed inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri spiega infatti quali siano i problemi con parole meste, placide, dal tono burocratico e velatamente indifferente. Una composta osservazione che demanda ad altri le responsabilità.
“Promulgo la legge, ai sensi dell’art. 87 della Costituzione, non avendo ravvisato nel testo motivi evidenti e gravi per chiedere una nuova deliberazione alle Camere, correttiva della legge approvata a conclusione di un lungo e faticoso iter parlamentare. L’attuazione della legge è del resto demandata a un elevato numero di provvedimenti, a mezzo di delega legislativa, di regolamenti governativi e di decreti ministeriali; quel che sta per avviarsi è dunque un processo di riforma, nel corso del quale saranno concretamente definiti gli indirizzi indicati nel testo legislativo e potranno essere anche affrontate talune criticità, riscontrabili in particolare negli articoli 4, 23 e 26. Per quel che riguarda l’articolo 6, concernente il titolo di professore aggregato – pur non lasciando la norma, da un punto di vista sostanziale, spazio a dubbi interpretativi della reale volontà del legislatore – si attende che ai fini di un auspicabile migliore coordinamento formale, il governo adempia senza indugio all’impegno assunto dal Ministro Gelmini nella seduta del 21 dicembre in Senato, eventualmente attraverso la soppressione del comma 5 dell’articolo. Per quanto concerne l’art. 4 relativo alla concessione di borse di studio agli studenti, appare non pienamente coerente con il criterio del merito nella parte in cui prevede una riserva basata anche sul criterio dell’appartenenza territoriale. Inoltre l’art. 23, nel disciplinare i contratti per attività di insegnamento, appare di dubbia ragionevolezza nella parte in cui aggiunge una limitazione oggettiva riferita al reddito ai requisiti soggettivi di carattere scientifico e professionale. Infine è opportuno che l’art. 26, nel prevedere l’interpretazione autentica dell’art. 1, comma 1, del decreto legge n. 2 del 2004 sia formulato in termini non equivoci e corrispondenti al consolidato indirizzo giurisprudenziale della Corte Costituzionale. Al di là del possibile superamento – nel corso del processo di attuazione della legge – delle criticità relative agli articoli menzionati, resta importante l’iniziativa che spetta al governo in esecuzione degli ordini del giorno Valditara e altri G 28.100, Rusconi ed altri G24.301, accolti nella seduta del 21 dicembre in Senato, contenenti precise indicazioni anche integrative – sul piano dei contenuti e delle risorse – delle scelte compiute con la legge successivamente approvata dall’Assemblea. Auspico infine che su tutti gli impegni assunti con l’accoglimento degli ordini del giorno e sugli sviluppi della complessa fase attuativa del provvedimento, il governo ricerchi un costruttivo confronto con tutte le parti interessate”.
Questa nota è un problema di altro ordine. Rappresenta quel genere di persona, efficiente, ligia al proprio dovere ed al proprio lavoro da poter apparire allo stesso tempo autorevole ed indifferente, burocratica e disumana.
Questo genere di persone, rappresentano il modello di efficienza e rispettabilità politica inauguratosi col contemporaneo, con il ’900.
Quando alle sperequazioni si risponde con tono sommessamente burocratico, ad evidenti ingiustizie si risponde con anestetiche osservazioni, la politica con l’uomo perde quello che ha di umano. Ti viene in mente che forse di questo modello di persona e di politico non ce ne libereremo mai.


(Luca Guido - 5/3/2011)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Luca Guido
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti
4 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 10642 di renzo marrucci del 29/07/2011


Bhè si! non si può che condividere... aggiungerei che è proprio uno schifo ma
non bisogna troppo martellarsi sulle ...

Tutti i commenti di renzo marrucci

 

4 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 10163 di Antonino Saggio del 03/06/2011


Leggendo questo articolo, e pensando anche ad "Antithesi" che lo ospita, credo che magari ce lo ricorderemo questo scritto sugli "Incarichi per ricchi" quando ... completamente sommersi dal fango... ci domanderemo: ma stavamo proprio tutti zitti?
Grazie a tutti e tre.
Nino

Tutti i commenti di Antonino Saggio

 

4 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 10153 di Francesco martone del 12/05/2011


Sono uno studente universitario, a volte penso "purtroppo di architettura".
Lei ha pienamente ragione, l'università va ripensata, rivoluzionata da cima a fondo... e quando Luigi Frati mi invia l'annuale lettera, scrivendo che lo studente è finalmente al centro della didattica, mi viene da vomitare.

In realtà sono sempre più convinto che non manchino i finanziamenti (sicuramente sono centellinati o scarsi), ma manca la voglia di organizzare, la voglia di fare, di costruire, di dare un senso ad una didattica allo sbando, senza filo logico e dallo scarsissimo valore formativo a fronte di un potenziale vastissimo.

Da studente mi sento chiuso in un vecchio treno bestiame e trattato come tale... spero solo che alla fermata io sia ancora pieno di passione e di voglia come il primo giorno che misi piede in facoltà.

Tutti i commenti di Francesco martone

 

4 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 9313 di christofer giusti del 15/04/2011


Non sarei così sicuro che la classe politica e, in particolare chi "governa" non sia in grado, come dice lei di: "riflettere ed immaginare le conseguenze delle proprie azioni".
Probabilmente la maggior parte di loro: servi e puttane, questo sforzo intellettuale e di "lungimiranza" non sono oggettivamente nella condizioni
mentali di poterlo fare. La "sifilide" del vizio e del soldo, hanno loro completamente lobotomizzato la mente; ma i loro capi, proprio per questo ancor più gretti, il loro disegno di degrado e disfacimento l'hanno ben chiaro in mente.

Tutti i commenti di christofer giusti

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]



<