Giornale di Critica dell'Architettura
Storia e Critica

Koolhaas-Zen e Prada-Koolhaas-Herzog & De Meuron, e Fuksas.

di Sandro Lazier - 11/7/2001


Forse sono troppo giovane e quindi maldestro, o forse troppo vecchio e quindi sprezzante. Ma sono.
Francesca Pagnoncelli potrebbe avere ragione: "si faccia, perdio! Purché si faccia.
Vengano i Prada ed i Fuksas mediatici: sarà un bene per l'architettura."
Personalmente, proprio perché sono, ho qualche perplessità.
1 - C'è la possibilità che senza un progetto strategico generale, chiaro e dichiarato, aumenti solo la confusione in un paese già molto confuso. E' noto, infatti, che il Ministero dei Beni Culturali finanzia i restauri con i proventi del gioco. Paradossalmente, non essendo io giocatore, come cittadino sono di fatto escluso dalla categoria dei filantropi. Se dipendesse soltanto da me, i monumenti probabilmente crollerebbero e allora, come cittadino, mi sentirei in dovere di giocare.
Analogamente e per assurdo, se l'architettura dovesse tirare avanti mediante l'imposizione di una tassa sulla prostituzione, come cultore e amante della materia dovrei dedicare tempo ed energie ad uno svago che non ho in grande considerazione. Tra l'altro ho una figlia e immaginare di darle un futuro nel campo dell'architettura mi darebbe qualche pensiero.
Sono questi pensieri bigotti? Francamente non lo so. Ma sono sicuramente meglio di un generalizzato e disinvolto chissenefrega.
Purtroppo non riesco a disgiungere l'architettura dalle sue implicazioni sociali. Mi piace pensare che serva all'umanità, che non sia fine a sé stessa, che ci racconti gli uomini e la loro condizione. Per questo mi piace anche pensare che dietro una grande architettura ci sia sempre un grande uomo, con un grande racconto, con una grande tensione morale. Senza questa la società e la vita sono niente. Quindi, senza questa, l'architettura è niente.
2 -Non bisogna dimenticare che il pittore Duchamp espose un cesso a New York in una galleria d'arte moderna. Per l'arte fu una rivoluzione. Significato: l'esperienza estetica che si fa dell'arte può non essere riconducibile all'oggetto in sé ma alla situazione che questo viene a determinare. L'identico cesso in una discarica non ha stesso significato che esibito in un luogo preposto alla contemplazione.
Koolhaas allo Zen, come propone Paolo Ferrara, non ha pari significato di Koolhaas da Prada. Koolhaas fine a se stesso non ha, quindi, per noi molta importanza. Dove, con chi si relaziona, che racconto ne nasce, solo questo ci interessa culturalmente e socialmente.
3 -T. Adorno scrisse molto in relazione all'arte e alle sue implicazioni sociali. Stabilì un nesso tra il potere dominante e l'industria culturale che ne discende. Questa figlia e serva di quella. La condizione dell'arte, da questo punto di vista, è condizione tragica e l'artista è tale solo se diverso, contro, fuori. Stare fuori significa vedere ciò che chi è all'interno non può e non vuole vedere. L'arte e la cultura sono quindi coscienza critica di una società. La coscienza sta in noi ma è fuori di noi, ci critica e ci costringe a scegliere. Scegliere è vivere perché non si vive se non si sceglie. Ma scegliere è crisi, sempre, e quindi la crisi, il conflitto, sono il motore della vita, dell'arte, dell'architettura. Per questa ragione le società non vivono senza crisi e senza cultura.
L'incisività della cultura, e dell'arte in particolare, non credo possa contare sugli strumenti mediatici del potere economico. Questo, nel modo più assoluto, non può tollerare al suo interno agenti di disagio, malessere, inquietudine e smarrimento. Sarebbe controproducente, per la cultura e per l'economia.
E' bene che ognuno faccia la sua parte.

(Sandro Lazier - 11/7/2001)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Sandro Lazier
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti




<