Giornale di Critica dell'Architettura

1 commenti di Dipl. Architekt Nicolo Piro

Commento 14425 del 13/12/2016
relativo all'articolo Complessità e contraddizioni della conservazione
di Vincenzo Ariu


L' Huffington Post 13.12.2016


Da Gentiloni una buona Politica per la


Stia però attento alla "lealtà" offertagli dal cannibale e sciacallo, imbro(co)glione, narciso e ignorante Matteo Renzi (e corte), per evitare che gli venga riservata la fine di Letta. La baggianata della crisi con in primo piano uno scialbo e zoppo pdR. Sergio MATTARELLA-BUCCELLATO, cerimonie, picchetti di (dis)onore, passarelle di cadaveri, stupidità raccontata dai media ruffiani ha un solo aspetto di positivo: la spedizione - speriamo definitiva - del pupo fiorentino nella discarica della storia di questa vuota repubblica dove, come narciso, avrà tutto il tempo per andare in cerca di pozzanghere dove specchiarsi.

Gentiloni, inoltre, che si guardi bene da comunisti velenosi come Del(i)rio ed Err a n o, e il più presto possibile provveda a sostituirli in quanto incapaci di gestire una operazione sì complessa come la ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma per la quale irrinunciabile deve essere il ruolo di studiosi di sociologia urbana, storia, storia dell' Urbattura medievale, ingegneri strutturisti, ingegneri tecnologici, e l' apporto oltremodo irrinunciabile di esperienze internazionali recepibili rivolgendosi ad architetti di Olanda, Germania, Danimarca, Giappone - in primis il grande architetto danese Jan Ghel - e con l' indire concorsi internazionali di progettazione, come esemplarrmente continua a fare la Germania, con punto focale proposte d' intervento nella città storica italiana medievale e alla riscoperta dei caratteri dei suo caratteri cristiani (Italia centrale) e islamici (Italia meridionale e Sicilia), avendo posto come punto di partenza una indagine accurata sull' Urbanistica greca (Polis) e romana (Urbs), vista come nucleo costitutivo della di grattacieli e musei, qual' è l' architetto Renzo Piano, o a istituzione universitarie come il "polimi", men che meno gestito da arruffoni e ignoranti politicanti come Del(i)rio e Err a n o - funzionali soltanto agli sporchi interessi di un Renzi superficiale, ignorante, traffichino e insensibile alla cultura - bensì trasferito a vere Scuole come le Università di Firenze e Napoli.

Porti, pertanto, il Capo del nuovo (mal)Governo, Paolo Gentiloni, la cultura urbana al posto che merita e che in questa Italia cialtrone non le viene concesso, e trovi il coraggio di fare del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti il incastonandovi ben saldamente gli ambiti e nel quadro di una saggia, quanto ammirevole, riarticolazione del Ministero nelle mani di un ministro-manager competente (p.e.: un architetto o ingegnere sudtirolese) e parlamentari architetti e ingegneri (Simona Vicari, Filippo Bubbico, architetti e parlamentari che sino ad oggi Hanno cialtronato e poltrito in ministeri estranei alla loro presunta qualificazione professionale, etc.) nel ruolo sottosegratari.

Questa sarebbe veramente la che noi italiani ci attendiamo, in ispecie quegli italiani che, come chi scrive (architetto e libero professionista in Germania), continuano a vivere ed operare in un clima di grande e sentita , qual' è quella che si respira in Germania, Paese nel quale vivo, dove quanto palpabile continua ad essere l' interesse per l' Urbatettura del Fascismo, testimoniato dalla recente pubblicazione della vita e delle opere di grandi architetti italiani di quella indimenticabile stagione, come Marcello Piancentini e Angelo Mazzoni, interesse preceduto dall' incomparabile lavoro di ricerca del Prof. Dr. Ing. Harald Bodenschatz (Università Tecnica di Berlino), raccolto nell' esaustivo volume: Städtebau für Mussolini/Urbanistica per Mussolini.

Un buon lavoro, pertanto, auguro a Paolo Gentiloni con l' auspicio che la Signora (architetto) possa essergli brava consigliera,

www.facebook.com/nicolo,piro.31
www.lapiazza-oce.org
Categoria: Politica

[Torna su]