Stampa Che buona la gassosa.pdf
antiTHeSi

Opinioni

Che buona la gassosa


di Silvio Carta
12/2/2004
Qual è la differenza che passa tra un concorso di progettazione dove partecipano 450 studi ed uno dove sono stati invitati solo 6 gruppi? Mi spiego meglio: se voi doveste esaminare 450 progetti (magari 3 tavole per ognuno in formato A0), avreste veramente la voglia di analizzare a fondo un migliaio di tavole? Entrare nell’idea di fondo di ciascuno? Studiare se quell’idea si rapporta veramente, come dovrebbe, ad entità come infrastrutture (in senso architettonico) e ambiente?
Oppure preferireste chiudere tutto, spegnere la luce ed andare a mangiare una pizza, visto che è venerdì e magari è anche arrivata l’ora di cena? Allora chiedo cosa guarderete? Io ho l’impressione che le tavole verrebbero sfogliate velocemente e senza particolare interesse generale, come accade per chi sfoglia un giornale di cui si interessa poco e non vede l’ora di vedere l’ultima pagina. L’atteggiamento è quello di continuare a vedere progetti con una attenzione decrescente ma che oscilla. Il lettore si risveglia dallo stato comatoso in cui oramai versa solo quando una immagine degna di Andy Warhol lo trascina violentemente di nuovo alla realtà. Ho scritto Warhol, non Raffaello. Perché AW è accattivante, è una entità dominante, un tono forte sull’armonia cromatica e costruttiva cinquecentesca.
Risulta quindi agli atti che in qualche caso l’abito conta più del monaco, sono abbastanza banale?
Posso fare di meglio. Avete presente Valeria Marini? Cosa vi è rimasto più impresso: i vestiti di scena o il suo decolté?
Di Roberto Gervaso è più facile ricordare le sue opinioni sul barocco romano o quel farfallino a pois che ostenta? (anche se nessuno ha ancora capito il motivo..)
Ma c’è una cosa che mi sconcerta di più: gli abiti dal monaco mi piacciono davvero tanto. Guardo come una donna è vestita, guardo le finiture di un palazzo, guardo la cornice di un quadro. Penso che sia una questione mentale.
Mi sono chiesto il perché. Ho trovato un concetto che ora cercherò di illustrare. A quanto mi pare le proiezioni del nostro io sono diventate talmente consistenti da essere materiali, fisiche, visibili. Hanno prodotto un involucro talmente spesso che ci identifica e in cui, volentieri, ci riconosciamo. Le persone ci ammettono attraverso il nostro guscio, fatto di scarpe, di titoli e di persone di cui ci circondiamo. Ben intesi: noi siamo ben altra cosa rispetto a questa shell autoprodotta; tuttavia abbiamo messo in secondo piano il nostro reale essere per adeguarci ad un mondo dove o sei nel trend o muori di fame. Giacomo Leopardi che traduce dal greco ingobbito nel buio della sua libreria di famiglia è morto.Ci siamo talmente abituati allo schermo che abbiamo tanto voluto che il solo pensiero di apparire in pubblico senza abiti di scena ci fa sentire nudi. Un progetto senza render esasperati, degni del più abile dei fotoritoccatori, è un progetto nudo, per tanto, di esso, ci vergogniamo. Non ci penso neanche a presentare ad un concorso un progetto realizzato a mano e acquerellato, sarebbe un inutile eccesso di zelo. Cosi come vorrei vedere se Palladio potesse tornare in vita per il solo tempo di un concorso di idee e presentasse il suo progetto per un monumento ai caduti delle Twin Towers. Come verrebbe giudicato? Meglio o peggio di Zaha Hadid (senza nulla togliere a nessuno) ditelo voi.
Siamo in una fase in cui anche non essere alla moda è una moda. Il perché? Ma semplicemente perché il guscio di qua sopra ce lo siamo fatto per tutelarci. Devi per forza prendere posizione, con o contro la corrente di turno non è fondamentale, l’importante è dimostrare, mi correggo: l’importante è apparire. ( a chi o a cosa o addirittura il come è un'altra faccenda.)
Una bella tavola di progetto (certo, è ovvio, non parliamo degli esecutivi, quella è roba da ingegneri..) è una tavola accattivante, dinamica, che riesce ad interagire con gli stimoli della nostra mente abituata alla psicologia dettata dalla pubblicità (quasi nulla ci meraviglia più). La grafica è in un layer sopra quello del concettuale (che a volte è anche spento); il superficiale (ma forse scopro l’acqua calda) sta sopra il fondamentale. I “saranno famosi” e Costanzo sono più ascoltati di qualunque altro signore. Ma finché si tratta di TV, ben venga l’inutilità, però noi parliamo di Architettura (o almeno spero), che è una cosa un po’ diversa. Ad un certo punto faccio l’egoista: uso a mio piacimento tutto ciò; la superficialità mi serve per capire.
Una tavola ben strutturata, ben proporzionata per colori e scale di grigi vince 9 su 10 volte su un buon progetto (che io, purtroppo per me, distinguo ancora dal suo vestito). Come un abbigliamento alla moda e un buon trucco fanno vincere 9 su 10 una ragazza banale su una bellissima ma disinteressata all’estetica pura.
La mia conclusione è questa: che la gente sbadata si prenda pure tutte le ragazze ben vestite e mascherate che trova in giro, io aspetto per la bella vestita di sacco. E siccome siamo gente che non ha paura, ben venga la moda, ci investa pure il trend e la pubblicità, ci affascinino pure i progetti che ammiccano all’impossibile, mi leghino pure all’albero maestro mentre sento le dolci voci delle sirene. La gassosa è buona, attira e ci piace da morire, ma noi abbiamo bisogno di acqua per campare. Forse un mio amico ha ragione: lasciate fare, sono tutti esercizi mentali, il progetto vero verrà da solo, verrà da sé.

...

www.antithesi.info - Giornale di Critica dell'Architettura - Tutti i diritti riservati