Stampa Cinque Piazze per Catania. Appello dell'In/Arch Sicilia.pdf
antiTHeSi

Opinioni

Cinque Piazze per Catania. Appello dell'In/Arch Sicilia


di Franco Porto
16/9/2006
L’Istituto Nazionale di Architettura – IN/ARCH Sicilia in qualità di consulente del Comune di Catania ha collaborato per l’organizzazione del Concorso di idee e progettazione per cinque piazze a Catania. Dopo lo svolgimento della prima fase di progettazione di idee, alla quale hanno aderito 362 gruppi di progettisti e conclusasi con l’individuazione delle venticinque proposte progettuali ammessi alla fase successiva di progetto preliminare, e l’avvio di tale seconda fase con la redazione delle venticinque proposte pervenute al Comune di Catania tutte entro il mese di marzo, le stesse non sono state mai esaminate per l’impossibilità di convocazione della Commissione Giudicatrice in quanto è scaduto il contratto del responsabile del Procedimento e Presidente della Commissione arch. Marina Galeazzi.
Dopo numerose sollecitazioni fatte all’Amministrazione Comunale, i componenti di questo Consiglio Direttivo regionale hanno deliberato il presente documento/appello da presentare nella prossima Assemblea Generale del 31 luglio p.v. e da fare sottoscrivere per essere inviato all’Amministrazione Comunale di Catania, nella persona del Sindaco Prof. Umberto Scapagnini.

Il diritto ad un risultato: sapere chi sono i vincitori del concorso europeo di idee e di progettazione per cinque piazze Botaniche a Catania.

La competenza ed il prestigio dell’Istituto Nazionale di Architettura è al servizio delle Pubbliche Amministrazioni per promuovere e divulgare l’Architettura contemporanea e di Qualità. Non è ammissibile che un’iniziativa come il Concorso di progettazione delle cinque piazze botaniche a Catania, che ha coinvolto circa mille progettisti di tutta Europa, segnalato in numerose testate nazionali ed internazionali, debba bloccarsi per motivi amministrativi di facile soluzione e di considerare l’iniziativa una mera gara d’appalto lunga e noiosa invece di una opportunità per l’affermarsi di un confronto professionale di grande qualità progettuale. La realizzazione di una grande mostra può rappresentare una prima circostanza di partecipazione della città alla sua trasformazione urbana e di visibilità dei progettisti, in attesa che una vera politica culturale possa, da Ella e dall’Amministrazione Comunale tutta, essere annoverata tra le attività di governo a breve scadenza:

Le Chiediamo di considerare la risoluzione del Concorso delle Cinque Piazze Botaniche una delle priorità della città ed un diritto ad un risultato a sapere chi sono i vincitori, quali le nuove idee e quali le serie proposte professionali che vogliono cambiare con l’Architettura di Qualità il volto di questa città.

...

www.antithesi.info - Giornale di Critica dell'Architettura - Tutti i diritti riservati