La Fiera e la Moda

Design

La Fiera e la Moda


di Gianni Marcarino
24/4/2011

La Fiera del Mobile di Milano anche quest'anno ha suscitato un grande interesse ed i media si sono buttati a capofitto nella cronaca e nel commento delle giornate dedicate al mondo dell'arredo e del design.
Mi ha colpito un lungo servizio del TG5. E' stata esaltata una variegata passerella di stilisti con le loro ultime creazioni legate al gusto della maison.
Non mi aspettavo di certo approfondimenti specialistici, ma il taglio del pezzo è stato di una superficialità e inconsistenza imbarazzanti. Da alcuni anni ormai la moda investe nel mondo dell'arredamento, tentando di far conquistare allo stilismo quote di mercato in un settore in cui sono in ballo non solo l'istante o l'emozione di una stagione, ma visioni profonde e aspettative di qualità materiale ed esistenziale ben più durevoli e consistenti.
La contaminazione tra moda e design non è un peccato capitale se la ricerca di materiali, texture, forme crea un travaso di informazioni ed esperienze e non si ferma all'ammiccare ad atmosfere che durano il tempo di una veloce scenografia di cartone..
Sono stati, in questo servizio, completamente ignorati aspetti tecnici, formali, culturali propri del design inteso come tensione tra funzione, forma, materiali, innovazione.
Pareva di essere al tè delle cinque, nella saletta della boutique, in compagnia di educate signore cotonate.
Ancora una volta la televisione ci fornisce dosi di glamour a buon mercato, di conformismo camuffato da innovazione, alla faccia del senso critico e del coraggio di sperimentare che sono necessari per far ripartire veramente il nostro potenziale umano ed economico.

...

www.antithesi.info - Giornale di Critica dell'Architettura - Tutti i diritti riservati