L'architettura va alla guerra. Fuksas diserta