Torna alla PrimaPagina

Altri articoli recenti
articoli

Commenti
Ci sono 5 commenti relativi a questo articolo

Commento 357 di la Redazione del 20/06/2003


Domenico Cogliandro ci ha inviato il 20 giugno un aggiornamento che amplia l'articolo. Per continuità di lettura, lo abbiamo inserito a seguire lo stesso.

Tutti i commenti di la Redazione

 

Commento 379 di Gianfranco Bombaci del 21/07/2003


Anzitutto vorrei fare i miei personali complimenti a Ugo Rosa e Domenico Cogliandro per il brillante modo con il quale hanno affrontato la "questione ponte". Sono di origini siciliane, padre e madre di Messina, e questo non interessa assai se non per il fatto che conosco bene lo stretto e la città di Messina. Sono da sempre stato contrario al ponte per motivi socio-economici-culturali-ambientali-eviadicendo e soprattutto come architetto. La trovo un'operazione di bassa demagogia e sono sicuro che il ponte non vedrà mai "luce" nel vero senso della parola, anzitutto per problemi tecnici.
Da un punto di vista più "romantico", adoro traghettare, sono convinto che l'arrivo in sicilia debba passare attraverso una pausa di riflessione di circa 20min, magari gustando un buon arancino (peraltro quelli del traghetto sono ottimi, anche se è sempre più difficile trovarli nei bar delle navi) per prepararsi all'arrivo in una terra magica piena di contraddizioni. Ma anche questo forse interessa poco.
Ciò che volevo sottoporre all'attenzione degli autori e dei lettori degli articoli (complimenti anche per la proposta di viaggio attraverso le maggiori webzine di architettura in Italia) sono alcuni punti nodali che evidenziano l'assoluta inopportunità del ponte:
1) dal punto di vista commerciale servirebbero areoporti più che ponti. Le arance siciliane trasportate su gomma arrivano con due giorni di ritardo sui mercati europei rispetto a quelle spagnole esportate via aereo.
2) La carenza di infrastrutture. Sarebbe forse più opportuno completare la Messina-Palermo prima di costruire un ponte di 3300m! Le uniche autostrade esistenti sono la Messina- Catania, la Catania-Palermo (peraltro da ristrutturare, e la mitica Messina-Palermo che a Cefalù (circa metà tragitto) si interrompe regalando ai viaggiatori due-tre splendide ore di strada provinciale a una corsia per senso di marcia, per raggiungere l'altro spezzone di autostrada. Credo sia qualche decennio che i lavori attendono di essere ultimati.
3) Due relazioni tecniche di impatto ambientale hanno definito quella del ponte un'operazione dannosa.
4) Dal punto di vista tecnico l'opera è ciclopica in tutte le sue parti, e viene da chiedersi chi ci sia dietro la progettazione di questa incredibile opera dell'umanità, come Rosa e Cogliandro hanno già ampiamente evidenziato.
5) La criminalità organizzata si sta già operando per entrare nel business.

concludo

questa breve sintesi si basa su una splendida puntata di report, trasmissione di raitre, del settembre scorso consultabile in formato realplayer (player scaricabile gratis su www.real.com) all'indirizzo:

http://www.report.rai.it/2liv.asp?e=2003
(è l'ultimo servizio in fondo alla pagina)

eventualmente si può leggere il testo della trasmissione all'indirizzo:
http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=117

NB. Dopo la puntata sul ponte di messina, la trasmissione report ha rischiato di essere cancellata dal palinsesto rai. :-(

Spero di aver fornito in questo modo ulteriori spunti di riflessione sull'argomento che, bisogna ammetterlo, non è mai stato affrontato in modo attento e concreto dalla "comunità architettonica".
Ringrazio ancora Ugo Rosa e Domenico Cogliandro per avermi provocato nella speranza che tale dibattito possa andare ancora avanti.

Distinti saluti al Dottor Brown

Gianfranco Bombaci/2A+P

Tutti i commenti di Gianfranco Bombaci

 

Commento 386 di domenico cogliandro del 25/07/2003


Altro aggiornamento.
Se Camilleri potesse profondere le sue energie per montare un giallo sulla questione del progetto Ponte sullo Stretto, pardon “Crossing”, ne verrebbe solo un pallido panorama rispetto a tutto quello che cova e ha covato sotto le ceneri spente. Vi aggiorno su alcuni scenari e vi racconto un autogol, che nemmeno Osvaldo Soriano. Innanzitutto devo ricordarvi che dalle notizie in nostro possesso, e riferite al 20 giugno scorso, il nostro Doc Brown è ancora “at Conference”, oppure non ha avuto tempo per rispondere alla mia, e nostra, missiva. E questo è uno. Il mio personalissimo delirio ha a che fare con le origini delle cose, e con la paternità dell’opera. Se come lucidamente, in una pubblicazione ad hoc sull’argomento edita da Donzelli, è stato scritto che la Società Stretto di Messina NON è una società mista con fondi pubblici e privati, ma un braccio armato dello Stato gestito da mercenari che danno fondo e rastrellano denari da vent’anni a questa parte, per farne quel che vogliono, ed è la sua sopravvivenza il vero motivo della questione Ponte: è lì che si trova il nostro buco nero. E’ anche da notare lo scenario dentro cui è maturata la progettazione dell’oggetto. L’incarico viene dato, grosso modo, tra il 1989 e il 1990, ad una equipe di tecnici e mirabili studiosi, prevalentemente italiani tranne uno, e noi sappiamo chi, che, dopo la bozza generale dell’oggetto, verificano di massima le condizioni per la fattibilità dell’opera. Il maggiore promoter dell’operazione, della fattibilità del Ponte cioè, è l’IRI, che è una delle società che possiedono quote percentuali della Stretto di Messina Spa. Su un altro fronte, quello del collegamento stabile con una opera sommersa e ancorata al fondo del mare, il cosiddetto Ponte di Archimede, invece, è sostenuto dall’ENI. Una specie di guerra fratricida che si conclude in una specie di giallo a cavallo della presentazione dei progetti, ma poi dell’unico progetto “possibile”, a Palermo, avvenuta il 22 febbraio del 1991. In quel momento lo spettacolo mediatico ci propone la prima guerra del Golfo di Bush padre e, per i meno interessati alla sorte del mondo, il serial Twin Peaks che si interroga, invece, e senza interpellare la Raffai, chi diavolo ha ucciso Laura Mars. Qualcuno ricorda? Bene, a chi volete fregasse del fatto che qualche giornalucolo locale (leggasi Gazzetta del Sud, direttore Nino Calarco, nonché allora Presidente, oggi Onorario, della società Stretto di Messina), e anche qualche testata nazionale, abbia riportato la notizia che a Palermo, luogo in cui dal 12 febbraio dello stesso anno si annunciava (vedi stesso giornalucolo) il modello del Ponte e la conferenza stampa con i progettisti (tutti, tranne uno, di chiara fama), arrivò anche un plastico del Ponte di Archimede, sponsorizzato dall’Ente Nazionale Idrocarburi? Quasi a nessuno. Anche perché quel plastico non credo sia mai stato visionato da qualcuno, è anzi ritornato in direttissima a Milano senza mai venire smontato dal furgone che lo aveva condotto a Palermo. Che fine ha fatto quel modello o, di più, dove è finita la ragionevolezza che ci consente di poter scegliere su come spendere i denari per andare e venire liberamente dalla Sicilia, optando tra due possibili soluzioni? Mistero. Ora, si potrebbe notare, chi te l’ha fatto fare a perdere tempo per trovare le circostanze di questo giallo italiano in emeroteca, per poi arrivare a nessuna soluzione? Bella domanda, fosse stata fatta (e per questo me la son fatta da solo)! Risposta: nessuna ricerca, piuttosto l’evidenza di un autogol della Società Stretto di Messina che, sotto le mentite spoglie di una presunta par condicio, riporta tra le sue pagine web la notiziola. Io mi sono mosso per ridare senso alla cosa rispolverando alcuni scenari, i corollari, le frange, l’intorno. Ma, e qui nemmeno il fantomatico dottor Sottile, a proposito di “dottori”, sarebbe riuscito nell’impresa, a tutto ciò si aggiunge la dichiarazione della consegna del progetto definitivo agli uffici del Ministero dei Lavori Pubblici da parte della società Stretto: avverrà entro e non oltre il 31 dicembre 1992. Caso ha voluto che il progetto sia stato consegnato in piena bufera Mani Pulite, e allora i politici o fuggivano nei mari del sud o si dimettevano in massa, e allora, dico, nelle mani di chi? E della cosa, nel giornalucolo ma anche negli altri, non v’è traccia (e qui mi ci son messo d’emeroteca) né con un largo anticipo rispetto alla data prevista (nessuna notizia trionfalistica, ma ci sarebbe dovuta essere visti gli impegni di spesa, nel mese di dicembre del 1992) e nessun riscontro dell’avvenuto deposito per tutto il gennaio 1993.
Nemmeno Rosi, oltre che Camilleri, riuscirebbe ad inventare per il suo cinema di denuncia un luogo di perdizione come la Stretto di Messina Spa, che fagocita denari pubblici, cioè nostri, con l’accondiscendenza di tutti i governi possibili dal post Craxi ad oggi. E che, nonostante vadano le cose intorno al progett

Tutti i commenti di domenico cogliandro

 

Commento 6122 di Renzo marrucci del 23/03/2008


Caro La Camera, il ponte di cui tu parli passerà alla storia soprattutto per il suo costo lievitato oltre ogni umana speranza e professionale. Tra il punto A e il punto B avrei dato gratis una consulenza e cioè avrei suggerito al sindaco filosofo di venezia di affittare una zattera tipo quella di Caronte e un Caronte novello così almeno un posto o due di lavoro in più li avrebbe prodotti. Non solo ma avrebbe dato un impulso in più a carattere turistico in una Venezia triste e come dicono...mal gestita. Parlare dei requisiti di un ponte in pieno periodo pasquale rischia certamente di rimanere indigesto a qualcuno ....
Dal 2003 ad oggi sono passati tanti di quegli euro sotto e sopra a quel ponte che ogni parola sulla sua struttura o architettura diventa una barzelletta eurotragica come quella recente sulla spazzatura.... Tanti saluti

Tutti i commenti di Renzo marrucci

 

Commento 6124 di Tino vittorio e maurizio zappalà del 26/03/2008


Illustri Cogliandro e Rosa, leggiamo con grande profitto quanto da voi scritto su PressLetter e su Antithesi. Dagli studi rinomati di architettura e di urbanistica di Leonardo Sciascia, di Robert Stevenson, di L. Borges, di Chandler - su cui il vostro Geist si è formato e che Voi simultaneamente o in alternanza amate citare reiteratamente - emerge in trasparenza che la Vostra conoscenza dei lavori dei progetti sul Ponte è cieca per cotanto abbaglio di informazioni internazionali. Potreste allietare e dispiegare completamente la Vostra alta visione con poche gocce di collirio documentale? Leggete (o rileggete visto che in coppia, come una ronda di carabinieri d’ispezione sul Ponte, millantate il possesso e la conoscenza critica di un vasto archivio sull’argomento) il numero monografico di “Meridiana” sul Ponte di Messina (ne avrete copia, sicuramente) e l’agile volumetto della Donzelli, La rete possibile, curato da Leandra D’Antone. Leggete o rileggete. Vi salutiamo per l’intanto, confessandovi che ci ricordate un professore calabro il quale, contestando mezzo secolo fa la priorità della costruzione della Sa-Reggio Calabria, giunse al compromesso tra sé e sé, tra il suo Spirito e il suo Geist, imponendo come progettista Annibale il Cartaginese, il fratello di Asdrubale, che invece del tracciato tirrenico, mostrò ai posteri e ai suoi contemporanei la via aspromontese, quella cosentina di Giacomo Mancini. Un’allucinazione reale sorretta da molto Spirito, lo stesso vostro. Voi ci rammemorante, anche, tutti quei profondi amanti, giganteschi nani, del popolo meridionale in nome del quale si opponevano alla costruzione dell’autostrada perché volevano prioritariamente, l’acqua, la pasta, il vino, la coca cola e il companatico. Salvaguardando il belato delle pecore e la cultura della transumanza. Per le cozze di Messina, frastornate dalla minaccia del costruendo Ponte, avete provveduto a contattare uno psicanalista che conforti lo Spirito turbato dei mitili? E non dimenticatevi dell’angiova e del pesce spada, vittime innocenti dell’arroganza edificatoria (in questo caso, pontificale) dell’uomo!

Tutti i commenti di Tino vittorio e maurizio zappalà

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]