Torna alla PrimaPagina

Altri articoli recenti
articoli

Commenti
C'è 1 commento relativo a questo articolo

Commento 978 di Giannino Cusano del 08/10/2005


Molti anni fa, giovane studente di Architettura e Belle Speranze, la pianificazione urbana e territoriale mi appassionava molto e mi dava l'idea di potermio rendere davvero utile al mio Paese. Un paio d'anni prima della mia immatricolazione era stata varata la 765 o Legg Ponte: ponte versb una riforma urbanistica che non solo non venne mai ma che, nei fatti, fu tenuta sempre più lontana dai calendari politici della vita civile italiana: il ponte rimase a sbalzo nel vuoto, nel nulla.
Professori di altissimo valore come Gabriele Scimemi, Luigi Coppa, Federico Malusardi alimentavano, e giustamente, entusiasmi e rinnovate speranze che, è noto anche ai bambini, sono sempre le ultime a morire. Gli scritti e gli interventi memorabili, brillantissimi di Luigi Piccinato, il fulgido quadro istituzionale e legislativo soprattutto -ma non solo- britannico, esempi di buoni piani redatti anche in Italia, nonostante condizioni al contorno devastanti: la strada era in salita, certo, ma quasi nessuno prevedeva che si sarebbe tramutata in una parete rocciosa del sesto grado.
Il quadro oggi supera ogni più fosca previsione: la cultura del piano non solo, di fatto, è costretta ad abdicare, ma a suicidarsi. Il caso Sicilia ne è una conferma: e come al solito chi redige i piani dovrà districarsi ed aggirare, quando può, ostacoli sempre più impervi.
Lo Stato centrale sceglie posizioni vieppiù pilatesche, mentre con l'alibi federale le Regioni spesso sguazzano nella più totale anarchia. Mi disinteressai piuttosto presto della materia, trovando più agibile e interessante l'architettura, quindi seguo quanto basta le vicende urbanistiche, ma sembra proprio che città e territori si trovino, come prima della 1150, avvolte in un marasma, in un fasciame inestricabile di leggi e centri decisionali (o indecisionali) in perenne e crescente conflitto fra loro. Persino la terminologia giuridico-urbanistica permane spesso nel vago, tanto da necessitare continue precisazioni e puntualizzazioni, sovente per vie legali.
Un quadro frammentato e neocorporativo che non riesce a ricucire grandi linee strategiche nazionali (figuriamoci, poi, le loro articolazioni regionali e subregionali) nemmeno di fronte alle nuove istanze ed esigenze che la crisi ecologica ed energetica imporrebbe di coniugare ad istanze di sviluppo e progresso.
Non so come andrà avanti questo Paese; certo, il minimo è attendersi tempi ... da Lupi !
G.C.

Tutti i commenti di Giannino Cusano

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]