Giornale di Critica dell'Architettura
Storia e Critica

Peter Eisenman
Ten Canonical Buildings 1950-2000


di Emanuela Giudice - 12/10/2008


Risultato di alcune lectures tenute, nell’arco di quattro anni, presso l’Università di Princeton, Ten Canonical Buildings 1950-2000 (1) segna il ritorno di Peter Eisenman sulla scena della teoria applicata al progetto di architettura. Dieci le architetture scelte: da la Casa “Il Girasole” di Luigi Moretti alla Farnsworth House di Mies van der Rohe, dal Palazzo dei Congressi di Strasburgo di Le Corbusier alle Adler&De Vore Houses di Louis Kahn. E ancora la Vanna Venturi House progettata da Robert Venturi per la propria madre fino al Peter B. Lewis Building di Frank O. Gehry passando attraverso il Leicester Building di James Stirling, un’incursione italiana nel Cimitero di San Cataldo di Aldo Rossi, la Biblioteca Jussieu di Rem Koolhaas e il Museo Ebraico di Daniel Libeskind. Un lavoro questo, costruito sulle letture compositive dei diversi edifici, letture diagrammatiche presentate fin da subito da Stan Allen, preside della Facoltà di Architettura a Princeton e con un rapido vadevecum dello stesso Eisenman in apertura di volume.

Dieci architetture che si risolvono nella materia e non nel cartone, architetture di crisi, interferenze propositive del fare progettuale che costringono il lettore ad interrogarsi su un concetto, quello di canonicità. Riprendendo Harold Bloom e il suo The Western Canon(2), Peter Eisenman si sofferma su una definizione bistrattata dal pensare comune. La storia non procede secondo una sterile continuità ma attraverso momenti di discontinuità e contraddizioni visibili. Ritrovabili ad esempio nelle complesse e contraddittorie architetture come la Vanna Venturi House o la più recente Biblioteca Jussieu progettata da Koolhaas.
Il filo rosso con il sistema di lettura di Colin Rowe è evidente. Lo era già stato nel lavoro su Terragni e ancor prima nella tesi di dottorato sulla base formale dell’architettura moderna - The Formal Basis of Modern Architecture (3) - così come nei saggi raccolti sotto l’auspicio della fine del Classico. Si ritrova anche qui quell’atteggiamento analitico, di lettura – diremo noi – compositiva applicata all’architettura. Letture che procedono per diagrammi. Un diagramma che, nel caso dei Ten Canonical Buildings, viene fuori dall’analisi critica di un manufatto. Trovandone la chiarezza e l’ordine formale, disvelando l’equazione che sta dietro ogni architettura, quasi che possa risolversi anche come matrice per l’invenzione. Il diagramma, di per sé, si pone come strumento ri-organizzativo. La sua azione, per dirla con Eisenman, è il “contropiede”.
Così, le dieci architetture presenti in questo recente volume edito da Rizzoli rimandano ad un lavoro ormai interiorizzato dall’autore, fin dalle pagine della rivista “Oppositions”(4). L’edificio di Stirling, ad esempio, era già stato oggetto delle prime letture critiche da parte di Eisenman.
I tempi, tuttavia, son cambiati. Negli anni Ottanta, l’Institute of Architecture and Urban Design (IAUS) raccoglieva i dibattiti attorno al progetto di architettura, auspicando un ritorno della teoria lontana dalle ideologie che avevano concluso, portandolo alla disfatta, il Movimento Moderno. Eisenman proponeva la sua cardboard architecture mettendo in discussione gli elementi costruttivi dell’architettura e imponendo strategie compositive che passavano attraverso variazioni per contrasto o minimalismi ricercati. Lo faceva attraverso le parole e le cose.
Ten Canonical Building rispecchia una condizione attuale. Lo studio sulle cardboard architecture ha soltanto lasciato il posto ad un nuovo spettatore – Eisenman stesso – lettore a metà strada tra l’azione e la privazione del fare.


  1. P. EISENMAN, Ten Canonical Buildings 1950-2000, Rizzoli, New York 2008.
  2. H. BLOOM, The Western Canon, MacMillan, London 1995.
  3. P. EISENMAN, The Formal Basis of Modern Architecture, Lars Muller, Baden 2006. Ristampa della tesi di dottorato discussa da Peter Eisenman a Cambridge nel 1963, questo testo affronta fin dalle prime righe le motivazioni di un lavoro che si incentra sull’utilizzo della logica e della ragione nella rilettura compositiva di architetture prese a prestito da alcuni maestri del Movimento Moderno: Le Corbusier, Frank Lloyd Wright, Alvar Aalto, Giuseppe Terragni.
  4. M. HAYS (a cura di), Oppositions Reader: Selected Essays 1973-1984, Princeton Architectural Press, New York 1998.
    Questa raccolta degli scritti più significativi apparsi su “Oppositions” si inserisce all’interno di una più completa risistemazione dei materiali pubblicati da alcune riviste americane come la stessa dello Iaus e la rivista di Yale “Perspecta”.


(Emanuela Giudice - 12/10/2008)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Emanuela Giudice
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti




<