Torna alla PrimaPagina

Altri articoli recenti
articoli

Commenti
Ci sono 5 commenti relativi a questo articolo

Commento 1309 di Maurizio Navarino del 19/07/2006


Grazie per aver dato voce alle due generazioni di architetti di cui sopra...

Tutti i commenti di Maurizio Navarino

 

Commento 1321 di marco marelli del 25/07/2006


Mi si riempie il cuore di commozione nel leggere finalmente qualcuno che senza tanti giri di parolo dice come stanno esattamente le cose in Italia...Architetti assolutamente mediocri tuttavia orgogliosi delle proprie brutture. Perchè non costringere Aymonino a finire i suoi giorni al malinconico Monte Amiata al Gallaretese o Canella all'"Alcatraz" di Baranzate (che ha osato paragonare all'opera di Muzio)??
Mi piacerebbe tanto partecipare a un concorso pulito e finire ultimo dietro a una schiera di architetti più validi di me e da cui imparare...Purtroppo credo che il sistema cambierà difficilmente visti gli ultimi concorsi a Milano (es.Modam a Milano) in non ha "stranamente" vinto il progetto migliore come commenta il "Giornale dell'Architetto"...

Tutti i commenti di marco marelli

 

Commento 1320 di Silvio Carta del 25/07/2006


come dire.. che il tempo prima o poi abbia ragione delle situazioni?

Tutti i commenti di Silvio Carta

 

Commento 1325 di Enrico Botta del 26/07/2006


Sono soddisfazioni effimere quelle che ci si tolgono mandando a quel paese i potenti, ancora di piu' se si tratta di ex-potenti in un campo che non conta nulla come l'architettura.
Pensa che queste persone nella migliore delle ipotesi possono solo sognare le Maserati Quattroporte che Moggi regalava per conto della FIAT ai suoi "amici". Infondo sono solo persone che si sono arrabattate per quattro soldi e una sensazione di potere, non si e' mai trattato di potere vero.
In ogni caso, non vale neanche la pena di perdere quei 5 minuti che la rediviva Mara ha probabilmente impiegato per scrivere questo ottimo (come sempre) articoletto.

Tutti i commenti di Enrico Botta

 

Commento 1327 di Vilma Torselli del 28/07/2006


Per coerenza, visto che oggi più che mai architettura e critica dell'architettura tendono verso pericolose convergenze, ci vorrebbe una ventata d'aria nuova non solo tra quelli che fanno architettura, ma anche tra quelli che ne scrivono............

Tutti i commenti di Vilma Torselli

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]