Torna alla PrimaPagina

Altri articoli recenti
articoli

Commenti
Ci sono 3 commenti relativi a questo articolo

Commento 1897 di Vilma Torselli del 04/03/2007


Mi permetto un riferimento ameno che , seppure sommario e superficiale, è comunque un significativo specchio dei tempi. Leggo su un blog di architettura (http://www.deluxdesign.it) frequentato soprattutto da giovani architetti , a proposito del progetto Marques de Riscal , questo post del 16 ottobre 2006: " Ho letto su Professionearchitetto.it che Gehry ha progettato la nuova sede dell’azienda vinicola Marques de Riscal “pensando a qualcosa di eccitante e festoso, perchè il vino è un piacere”. Confrontando questo progetto con i precedenti le ipotesi sono due: la vena artistica di Gehry si sta esaurendo, oppure progetta sempre pensando al vino ;-)".
Anche i giovani non sono più quelli di una volta, è sempre più difficile gabbarli!

Tutti i commenti di Vilma Torselli

 

Commento 2236 di giovanni messina del 13/03/2007


mi permetto, a proposito, di citare due progetti che a mio parere hanno cercato una strada assolutamente antitetica a quella di Gehry: complesso di Mazzorbo di De Carlo e l'arci noto barrio da Malagueira di Siza. Una strada del genere mi sembra la piu adeguata per rispondere ad esigenze di contestualizzazione e "genius loci" (forse sono un po demodè nonostante la mia età giovane:26 anni). su questi progetti si potrebbe instaurare una discussione forse piu propositiva

ringrazio per l'attenzione

Giovanni Messina

Tutti i commenti di giovanni messina

 

Commento 2546 di Leandro JANNI del 18/03/2007


Sulle pagine di un noto settimanale italiano leggo il seguente annuncio pubblicitario:
“L’uomo, il genio, l’architetto. Frank Gehry, creatore di sogni”. Un film di Sydney Pollack. Dal 30 marzo al cinema.
Cosa dire? Buona visione a tutti!

Tutti i commenti di Leandro JANNI

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]