Torna alla PrimaPagina

Altri articoli recenti
articoli

Commenti
C'è 1 commento relativo a questo articolo

Commento 6320 di Renzo marrucci del 24/07/2008


Manfredini c'era, benissimo... e lo racconta nel suo articolo che non mi convince ma questo importa poco. Qualche cosa va sempre per il verso giusto come quel nobile e gentilissimo signore che vorrebbe la città come luogo della cooperazione e non della competizione come è disgraziatamente e sempre più feroce... Che vorrebbe l'architettura per tutti e il senso del luogo dove si allevia la tristezza di esistenze meno fortunate.
Che bellissimo pensiero...Quale aspirazione....ne basterebbe almeno un terzo, un quarto o un decimo di quell'idea vera a dare un impulso verso una società più vivibile. Ma se si vuol sognare si può farlo, certamente e che male c'è? Basta un solo sogno per ammantare il mondo? Anche quello piccolo della periferia di una città...Mi fanno capire che invece si deve essere in tanti su quel sogno che poi si perde da solo nei meandri del tempo e proprio mentre le file si ingrossano di sognatori veri e falsi ...diventando allora solo un sogno...o un mezzo incubo? Irrealizzabile? Ma al di là di questo l'uomo continua a sognare e speriamo che decida di rompere la magia di quel distacco con la realtà e che sta diventando sempre più ampio...appunto come è proprio del sogno che smette di essere fuori della realtà per entrarvi e far diventare le nostre periferie sempre meno il luogo della diseducazione sociale e del degrado...dell' insicurezza e della marginalità come categoria umana. Di questo non si vedono segnali… ma solo chiacchere faticose e verbose e non solo ....forse è inutile anche preoccuparsene? Se si capiscono le periferie si capisce anche il centro della città e tante altre cose che ci perdiamo per il futuro delle nostre città e quindi del mondo.

Tutti i commenti di Renzo marrucci

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]