Torna alla PrimaPagina

Altri articoli recenti
articoli

Commenti
C'è 1 commento relativo a questo articolo

Commento 6476 di Renzo marrucci del 20/10/2008


Tadao Ando' a farsi monaco? Mi sembra di capire tra le righe dell'articolo Bracco-Giudici... Io credo che questo tipo di architettura richiami un desiderio tombale inconscio molto vicino al fascino dello spazio ancestrale della piramide egizia... Avete presente quei corridoi con porte scure e improvvisi gettiti di luce che sembano centellinare o giocare con la presenza dello spazio...dove inserisce neon come a definire un calore che proviene dallo squarcio della parete sia che provenga dal basso sia che provenga dall'alto con il profondo a smaterializzare il piano orizzontale da quello verticale come separazione o invenzione imprevista che ti sbalza l'idea di camminare nel reale...
Ebbene se trovo interessante il riferimento all'astrazione dello spazio di Ando come una proiezione emozionale fondata sul coraggio e sulla paura lo interpreto come una emozione del vivere mentalmente lo spazio in un rappresentazione intellettuale che percepisco come una essenza sacrale e con una idea della cavità che non è solo minimalista ma anche rigorosamente non prevista per la vita. Io non mi ci sento bene in quegli spazi di costrinzione ludica dove l'emozione mi tiene lontano dalla vita...e pare evocare un sentimento di paura che l'architettura dovrebbe contrastare... vincere e risolvere sul piano della gioia di vivere.

Tutti i commenti di Renzo marrucci

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]