Giornale di Critica dell'Architettura
Storia e Critica

L'architettura va alla guerra. Fuksas diserta

di Paolo G.L. Ferrara - 28/2/2003


Libeskind costruirà il nuovo World Trade Center : il suo progetto ha prevalso su quello del Gruppo Think.
Massimiliano Fuksas, dalle pagine del Corriere della Sera, punta il dito sull’aspetto speculativo del progetto vincitore: "Devo dirla tutta? Hanno vinto le lobby immobiliari e degli investitori: è stata premiata l’unica proposta che ripristina quasi esattamente i metri quadrati delle Twin Towers. Con le altre c’era meno da guadagnare".
Considerazione assolutamente pretestuosa.
Facciamo un passo indietro. Quando le Twin Towers vennero commissionate a Minoru Yamasaki è certo che i proprietari dell’area gliene abbiano chiesto il massimo sfruttamento, da cui ricavare il massimo profitto. Che adesso si faccia “moralismo” è del tutto fuori luogo, soprattutto se la predica arriva da uno degli architetti che più lavorano con clienti che (sia chiaro, è nel loro diritto) cercano il massimo profitto dai loro investimenti, dunque conosce benissimo il meccanismo e ne è parte.
Da sempre l’architettura ha rappresentato interessi economici, sia essa progettata per funzioni pubbliche che private. Un qualsiasi proprietario di un terreno agricolo non rinuncerà mai al massimo della cubatura possibile per costruire; e non lo farà mai neanche il proprietario di un terreno edificabile (figuriamoci se ci rinuncia chi è proprietario di sei ettari e più nella down town di New York). La costruzione di edifici è un investimento monetario, inutile discuterci su.
Piuttosto, l’architetto deve essere investito della responsabilità di creare architettura di qualità: anzi, ne ha il dovere.
Ma è anche in questo senso che Fuksas attacca i contenuti del progetto di Libeskind: "E’ retorico. Con delle strizzatine d’occhio al patriottismo che stonano con la tragicità del posto".
Evviva la banalizzazione! Si attacca l’ideazione architettonica senza pesarne i contenuti ed i significati, legati ad un avvenimento che sta ancora segnando la nostra storia contemporanea: se Bush è deciso ad attaccare l’Iraq, trascinandoci in una situazione ad altissimo rischio, è stata proprio la distruzione delle Twin Towers ad innescare la situazione attuale (e quella che verrà a breve); e se le Twin Towers erano il simbolo di New York, e se NY è il simbolo della civiltà occidentale, l’architettura stessa delle Twin Towers (costruite; divenute simbolo del potere occidentale; abbattute) è il simbolo di questa imminente guerra.
Dunque, il problema non è il "come" si ri-costruirà a Ground Zero: che sia neoclassico, romanico, organico, razionalista, anticlassico, poco importa: sarebbe sempre e comunque “simbolo” di un conflitto che sta cambiando (o… mettendo a nudo?) i problemi di un mondo in cui la società non è certamente tutta uguale, sia nei diritti che nei doveri.
Ancora una volta, l’architettura va alla guerra e ne diventa "simbolo.
Con il Jewis Museum Libeskind non ci aveva riportato indietro nel tempo, ma ci aveva resi contemporanei della tragedia dello sterminio delle "razze inferiori".
Con il progetto per Ground Zero ci porta avanti nel tempo, utilizzando tutte le risorse possibili della tecnologia e della scienza per potere costruire sino all’altezza di 541 metri; ma è un salto nel futuro che ha origine nella "vasca sotterranea", spazio di risulta delle vecchie fondamenta delle Torri Gemelle, che l’architetto ha deciso di lasciare libero alla luce del sole, che penetri sino alla sua base.
Un salto in avanti nel tempo (il nuovo progetto) che però ci lega senza soluzione di continuità alle nostre azioni precedenti (la vasca sotterranea), di cui la nostra evoluzione nel corso di milioni di anni è sempre stata conseguenza. Un progetto-simbolo che ammonisce sul futuro, rendendolo contemporaneo, tanto quanto contemporaneo è stato reso -dallo stesso Libeskind- il passato della follia nazista.
Ma Fuksas attacca proprio il "simbolismo" del progetto di Libeskind: "Ma sì, tutti quegli elementi simbolici. L’altezza, ad esempio: 1.776 piedi come l’anno dell’indipendenza Usa. E poi il cuneo di luce dove si riflette il sole ogni 11 settembre, tra l’ora di inizio e di fine dell’attacco. Non c’era bisogno: quel luogo parla da solo".
Indubbio, "parla da solo", tant’è che Libeskind, rimarcandone i significati che racchiude, lo rende parte vitale della sua architettura: non ci sono più i due monoliti verticali a segnare lo sky-line di Manhattan; adesso c’è un “cratere” che prima non vedevamo e la cui esistenza era del tutto funzionale (fondamenta, aree garages). Oltre ogni riferimento puramente estetico-formale, viene così ribaltato il punto di vista di tutta Manhattan: non più solo sky-line bidimensionale, scandito dalle altezze dei grattacieli e bloccato nella simmetria/fotocopia delle due precedenti torri (simbolo di certezze acquisite, di un potere ben saldo e predominante), ma quadridimensionalità totale, sino a scendere sotto terra (che è il risultato della precarietà e del sovvertimento delle certezze).
Gli edifici di Libeskind tendono a muoversi attorno il cratere: da sotto terra sino alla guglia a 541 metri d'altezza, attraverso il dinamismo spaziale pluridirezionale, l’architettura non ha soluzione di continuità. Lo sky -line di New York diventa tellurico, inverando le immagini di Pol Bury del 1968, che vedeva una New York destrutturata non solo, ancora una volta, simbolicamente.
Il 1968 è lo stesso anno in cui Stanley Kubrick realizza “2001 Odissea nello spazio”, film da cui Fuksas avrebbe preso spunto per ricostruire ground zero: "Un monolite come quello di Kubrick nel film 2001 Odissea nello spazio. Per motivi estetici, prima di tutto: la bellezza di New York sta nello skyline, nel profilo complessivo. Non nell’eleganza del singolo edificio, nel monumento, nella cattedrale. Ma anche per un motivo culturale. Nel film il monolite rappresentava l’origine di tutto, l’inizio della storia. Un messaggio forte in un luogo di strage. Molto meglio di quelle strizzatine d’occhio".
Le "strizzatine d’occhio" di Libeskind sono però significative, soprattutto se le riferiamo proprio al film di Kubrick. Il regista ambientò il film nel 2001 perché credeva che parlare del Terzo Millennio significasse, indirettamente, lasciarsi alle spalle i tragici eventi del ‘900 (secolo in cui lo stesso Kubrick individuava il crollo della civiltà), e dei secoli precedenti.
Ma -incredibile coincidenza- proprio il 2001 ha confutato l’idea di Kubrick, ed il suo messaggio.
Difatti, nonostante la sua costante evoluzione, la società è sempre quella dell’uomo-scimmia che usa gli strumenti offerti dalla tecnologia al fine di conquistare il potere. L'osso utilizzato dalla scimmia quale arma per uccidere e cibarsi di un tapiro, è l’arma che verrà usata anche per uccidere un suo "simile", dandogli la possibilità di diventare il "padrone del mondo".
L’intelligenza artificiale, rappresentata dal computer Hal 900 e frutto dell’intelligenza stessa dell’uomo, si ribella contro il suo creatore.
L’uomo è nuovamente solo, consapevole che oltre la ragione c’è il sentimento: "ucciso" il computer, non è un caso che l’astronauta David Bowman si ritrovi all’interno di una stanza del ‘700, il secolo origine dei conflitti tra ragione e passione della società moderna.
E quelle di Libeskind sono "strizzatine d’occhio" al sentimento, alla passione: "Libeskind è un architetto che ci aiuta a misurarci con le irragionevolezze del mondo e della storia. L'architettura, arte costruttiva, solida, razionale e certa per definizione, ha incontrato raramente nella sua storia questa deriva tormentata, difficile e crudele". Prendo a prestito queste parole di Antonino Saggio perchè centrano il punto critico delle esternazioni di Fuksas: chiamiamo pure "strizzatine d'occhio" il sentimento e la passione, ma ciò non basta certamente a sovvertirne i significati.


(Paolo G.L. Ferrara - 28/2/2003)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Paolo G.L. Ferrara
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti
7 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 473 di Irma Cipriano del 05/11/2003


Che sia difficile mandare giù le sconfitte è comprensibile, anche se si potrebbe fare con un pò più di eleganza. Quello che mi preme dire però è che non credo che non ci sia, parlando di Ground Zero, un problema etico e morale di fondo. Anzi, il problema c'è ed enorme. Quel posto ora è la tomba di circa tremila persone ed è secondo me incredibilmente immorale pensare di ricostruirci lì dei nuovi grattaceli per uffici o peggio ancora per centri commerciali. Quel posto dovrebbe essere un simbolo della memoria, non del danaro. Non dovrebbe urlare << La ricca e potente America si rialza in piedi >> , ma evocare cordoglio e soprattutto rispetto per quel disastro. E non si tratta di falsi moralismi. Vorrei vedere cosa se ne penserebbe se in posti come San Sabba e le Fosse Ardeatine venisse costruito qualsiasi edificio. Sono monumenti della follia umana e tali devono rimanere. Anche Groun Zero è uno di questi monumenti, e il fatto che il terreno della campagna romana o triestina non sia appetibile economicamente come quello di NY non giustifica la mancanza di tatto e rispetto per le vittime e le famiglie.
Ground Zero lo avrei lasciato quasi così com'era , facendoci un parco magari, lasciando però l'impronta delle due torri con delle macerie sopra a ricordo. Non si può pensare di speculare su una cosa del genere. Gli americani che si sono sentiti così colpiti al cuore, come almeno sembra dai loro sempre presenti rimandi, non dovrebbero permettere la costruzione di alcunchè. Anche del progetto più bello ed originale di qualsiasi grande architetto. Non è a mio avviso giustificabile dire << Il mondo è crudele e quello del commercio edilizio ancora di più, perciò non dobbiamo fingere che potesse andare diversamente.>> Pensandola così ogni scempio architettonico ed ogni mancanza di rispetto per la morte dovrebbe essere giustificato.

Tutti i commenti di Irma Cipriano

5/11/2003 - Paolo GL Ferrara risponde a Irma Cipriano

Come non essere d'accordo con Lei? Non c'è modo, indubbio. Ovviamente, nel momento in cui c'è però qualcuno che decide di ricostruire - e sulle cui decisioni non abbiamo alcun potere dissuasivo-, si annullano tutti i nostri giusti propositi morali e, non poco forzatamente, si deve passare a parlare di architettura, di cosa sorgerà, di cosa ci dirà.
Se davvero Bush fosse un uomo con le palle quadrate, avrebbe comprato in rappresentanza degli Stati Uniti il sito Ground zero, e lo avrebbe lasciato, come Lei auspicava, "simbolo". Invece è andato in Iraq, lo ha distrutto, e ci ricostruirà. Ci saremo anche noi italiani, con il nostro prode Cavaliere a fare da condottiero ai suoi amici investitori. Proprio una cosa edificante...

 

7 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 298 di Andrea Pacciani del 04/03/2003


Com’era e Dov’era!
In fondo in fondo, dopo la distruzione delle torri gemelle, mi aspettavo che tra le voci del coro venisse fuori quella della ricostruzione di quanto era prima costruito. Solitamente avviene così quando ad un edificio carico di significato storico o simbolico viene inavvertitamente tolta la propria identità materiale per motivi accidentali.
Quando il significato della materialità architettonica assume un valore ad alto contenuto disciplinare, culturale, o sociale non ci si può esimere dalla riproposizione di quanto c’era prima (spero di non dover qui trattare la falsità del concetto di falso storico invitando alla lettura di Paolo Marconi o più modestamente di quanto sostenuto da me in altri interventi in questo stesso sito). Questo vale per l’architettura classica, vedi recentemente i teatri incendiati, quanto quella moderna: voglio vedere se un terremoto tira giù un edificio di Le Corbusier o altri feticci modernisti se questi non vengono ricostruiti com’erano e dov’erano a furor di architetti (a proposito mi piacerebbe che la redazione aprisse una riflessione sulla conservazione e il restauro del moderno, partendo magari dal restauro del Pirellone post kamikaze; perché non lasciare lacerti di facciata rovinata o evidenziare la serramentistica sostituita da quella originale come vorrebbe la teoria conservativa?).
Eppure per il WTC nessuno si è scomodato; questo vuol dire che a prescindere dal suo immenso valore simbolico mondiale, quello architettonico e culturale materiale era veramente scadentissimo. Questo vuol dire che di fronte al più alto carico di valore culturale che si poteva attribuire ad un edificio questo non era sufficiente a giustificarne la sua sopravvivenza architettonica ed urbanistica dopo un evento catastrofico che ne ha interrotto il fisiologico processo di vita.
Per la critica architettonica infatti le torri gemelle erano già vecchie quando le avevano costruite, quel poco valore disciplinare lo avevano assunto recentemente con la digestione nel tempo del loro segno nello skyline di NYC; vista la fine prematura che hanno fatto e la mancanza di volontà di farle rivivere per quelle che erano e per farle permanere al mondo della loro vita naturale per cui erano state progettate, vuol dire che se ne poteva anche fare a meno, che quindi erano uno dei più grandi “inquinamenti edilizi” esistenti al mondo.
I fatti sono che unanimemente si sta dicendo che devono essere sostituite con altri edifici di fattura diversa, che la gente non amava quelle architetture nemmeno dopo che sono state immolate per i valori patri; vuol dire che le qualità urbane, abitative e di lavoro che vi si svolgevano erano insignificanti tanto che non se ne avverte la mancanza (come è invece accaduto per molti edifici della ricostruzione postbellica europea).
Le chiavi di lettura allora sono diverse:
La prima, per dirla alla Branzi anni ’70, oggi molto in voga, è che le due torri avevano superato la soglia di un significato architettonico, facendo parte della realtà come oggetti che non comunicano valori architettonici, ma che servono semplicemente a vivere (forse delle vere “macchine per abitare”?) ed allora è solo inutile formalismo cercare nuove soluzioni architettoniche ad un intervento speculativo di queste dimensioni.
Oppure la permanenza non è più un valore dell’architettura, anzi questa (quella modernista) va avanti più veloce della propria vita edilizia e perciò è meglio sostituirla alla svelta, meglio se c’è qualcuno che da una mano a tirarla giù; insomma uno spreco materiale per capricci culturali: l’architettura è evento, scenografia, un misto di arte pura e design, un lusso generazionale che di fronte alla complessità si affida all’incomprensibile autoreferenzialismo dei presunti maestri geniali per non risolvere i problemi quotidiani.
Se infine l’architettura è ancora “l’arte e la scienza di fabbricare secondo delle regole determinate dal bisogno e dal gusto ragionato degli uomini….e rende nel tempo stesso più sicura, più agiata e più sana e ridente la vita degli uomini che raccolti si sono in civile società” (A. Fantastici) allora il primo input per la progettazione deve essere quello eticamente sostenibile della ricerca di una architettura dalla qualità della vita vissuta in grado di sopravvivere anche di fronte ad un bombardamento e di entrare nella vita delle persone in modo da esigerne il com’era e dov’era se qualche terrorista la distrugge, a maggior ragione se questo edificio parte già da un valore emotivo culturale ereditato.
Quale quindi è la soglia di valore per gli edifici che consenta loro un trattamento diverso dalle due torri per cui alcuni verrebbero promossi al com’era e dov’era e altri bocciati inesorabilmente alla sostituzione edilizia?
La mia posizione è che questa garanzia di risultati è solo perseguibile in ciò che oltrepassa le generazioni, che appartiene al proprio tempo ma che non vuole essere referente di se s

Tutti i commenti di Andrea Pacciani

 

7 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 296 di Alessandro Sanavio del 03/03/2003


Stavo leggendo l'interessante articolo di Paolo Ferrara sulla ricostruzione del World Trade Center quando mi imbatto sulle "fondamenta sotterranee" del World Trade Center. Cresciuto a Venezia ero certo che le fondamenta si trovassero solo nella mia citta'. Che delusione trovare anche su AntiThesi la perenne confusione tra fondamenta e fondazioni. A meno che si tratti di vere fondamenta e il fiume Hudson penetri nel cuore del World Trade Center..

Tutti i commenti di Alessandro Sanavio

3/3/2003 - PaoloGL Ferrara risponde a Alessandro Sanavio

...sarò confusionario, ma credo che l'osservazione sia un pò pignola...Le "fondamenta" sono "...quella parte di una struttura architettonica che, murata sottoterra, serve da base e da sostegno...".
Più o meno, in tutti i dizionari...sono così definite.
Piuttosto, perchè non fare un commento critico sui contenuti dell'articolo? li aspetto con piacere.

 

7 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 295 di Carlo Sarno del 02/03/2003


Veramente mi aspettavo qualcosa di diverso, una architettura alternativa alla logica dei grattacieli ormai secolarizzata. Invece, anche se con simbolizzazioni si ripete la stessa matrice. Dice Paolo : " ...Quando le Twin Towers vennero commissionate a Minoru Yamasaki è certo che i proprietari dell’area gliene abbiano chiesto il massimo sfruttamento, da cui ricavare il massimo profitto...". Si Paolo ma non è solo questo. Erano anche il simbolo della forza economica americana, un modo rigido e antidemocratico di marcare la propria supremazia. Il ritorno di una simmetria schizoide che ben rappresentava l'uomo eterodiretto di Marcuse.
Ma allora quale alternativa? C'è chi ha parlato di riprendere un vecchio progetto di Gaudì per un grattacielo albergo, che se non altro avrebbe rappresentato la volontà di creare un futuro diverso sulla base delle idee di un genio dell'architettura. Ma ancor più Paolo, io penso a come Frank Lloyd Wright ha risolto il problema di creare una architettura organica a New York, tra grattacieli , il Museo Solomon Guggenheim. Cosa ha fatto Wright ... è partito dal principio organico dell'architettura che genera lo spazio dall'interno all'esterno, dalla vita che dovrà svolgersi in modo vitale e democratico all'involucro esterno. Non cerca rapporti con un ambiente urbano ostile circostante, genera la sua architettura da un principio interno, originale e creativo. Chiunque è stato a New York, ed esce dalla Quinta Strada e si avvicina al Museo di Wright comprende subito che si trova di fronte ad una realtà estranea alla logica della mercificazione, una architettura organica che esalta la creatività e libertà dell'uomo in maniera inconfondibile: è un fiore in un deserto!
Ecco Paolo, mi aspettavo per il Memorial qualcosa di effettivamente nuovo , una fioritura dell'architettura umana nel senso vero del termine, in un ambiente che ha asservito l'uomo alla logica del mercato e dell'arrivismo carrieristico, ... l'inizio di un nuovo mondo, di pace, solidarietà e democrazia. Se anche nel progetto vincitore ci sono queste intenzioni, mi sembra che non riesca a distaccarsi dalla logica precedente, pur avendo qualche sfaccettatura formale in più ed un guglia eccezionale.
Carlo Sarno

Tutti i commenti di Carlo Sarno

2/3/2003 - PaoloGL Ferrara risponde a Carlo Sarno

Cercare raffronti tra i significati delle due opere (Wright e Libeskind) lo reputo un pò forzato. Sia chiaro: Wright è per me "l'architettura", ma anche il Solomon trattava il tema del profitto (non per niente è sì un edificio a scopo culturale, ma anche commerciale). Il linguaggio ed il messaggio trasmessi sono comunque drammaticamente diversi: il Guggenheim "trasmette" cultura, l'uomo che si specchia nella sua genialità attraverso le opere d'arte. Il WTC "trasmette" tragedia, l'uomo che si specchia nella sua pochezza, nella sua miserabilità.
Caro Carlo, purtroppo credo sia così.

 

7 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 294 di Beniamino Rocca del 01/03/2003


Libeskind ha vinto , evviva .
Fuksas non è d'accordo . Pazienza . Sa bene anche lui , per averne vinti tanti di concorsi internazionali ad inviti e no , che non sempre vince il progetto migliore ma sempre quello che meglio rappresenta gli interessi dei promotori del bando di concorso .
Questa volta però a New York ha vinto il migliore .
Libeskind , a mio modo di vedere , ha saputo "progettare per vuoti" , pur realizzando milioni di metri cubi , migliorando lo skyline di New York . Questo il colpo di genio .
L'architettura proposta dal Gruppo Think è una di quelle architetture divisibili per due , dunque , una mezza architettura .
Beniamino Rocca

Tutti i commenti di Beniamino Rocca

 

7 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 293 di enricogbotta del 01/03/2003


"Libeskind costruirà il nuovo World Trade Center : il suo progetto ha prevalso su quello del Gruppo Think. "
Libeskind non costruira' il nuovo WTC. Costruira' molte altre cose grazie alla pubblicita' che si e' fatto con questo concorso... quindi mettiamoci il cuore in pace tutti, sia chi pensa che la sua proposta sia un meraviglioso capolavoro e sia chi invece e' convinto che si tratti di una boiata.
L'affermazione di Fuksas sara' anche pretestuosa ma e' vera. Sottolinea una caratteristica comune a tutte le proposte (tranne la seconda classificata, che di fatti NON ha vinto), e cioe' il conformismo mascherato da trasgressione.
"Un qualsiasi proprietario di un terreno agricolo non rinuncerà mai al massimo della cubatura possibile per costruire; e non lo farà mai neanche il proprietario di un terreno edificabile (figuriamoci se ci rinuncia chi è proprietario di sei ettari e più nella down town di New York)."
Beh forse non ti ricordi che il buon vecchio Mies (il cui tipo "High Rise" ha avuto tanto successo in USA proprio per l'ottimizzazione dello sfruttamento di square footage consentito) ha buttato al vento centinaia e centinaia di piedi quadri di superficie commerciale su Park Avenue... Mies ha avuto il fegato di farlo, Libeskind e compagnia cantante questo coraggio non ce l'hanno avuto.
Riguardo invece ai "significati" credo di non poter che essere daccordo con Fuksas. Certi "simbolismi" da kabalah di bassa lega sono puerili, non aggiungono nulla al progetto e tolgono molto a chi con la faccia seria li sciorina come fossero cose significative. Ovvio che agli americani queste buffonate piacciono, ma parlare di "significati" quando in realta' si tratta di un mero fatto numerico (1776 scalini o quello che' etc) o semplicistiche combinazioni e' grottesco.
Libeskind e' sempre piu' una delusione, altro che "Libeskind è un architetto che ci aiuta a misurarci con le irragionevolezze del mondo e della storia. L'architettura, arte costruttiva, solida, razionale e certa per definizione, ha incontrato raramente nella sua storia questa deriva tormentata, difficile e crudele". Di Libeskind e del suo tormento faccio volentieri a meno.

Tutti i commenti di enricogbotta

 

7 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 292 di fausto d'organ del 03/01/2003


L'architettura va al dolore: l'avanguardia di Libeskind.
Libeskind sa costruire sul dolore, sa costruire dal colore, sa costruire per il dolore. Ha affrontato (insieme a molti altri progettisti vaccinati) una dura prova portatrice di emozioni contrastanti (rabbia, pudore, violenza, tristezza, speranza, sconforto...); una prova in cui carnalità e spirito, simbolismo e materia, stanno avviluppandosi senza tregua e continueranno a farlo finchè l'uomo avrà memoria. Era richiesta la delicatezza di pensieri e la durezza d'atti, l'eleganza e la non ambiguità, l'affioramento della forza interiore e la sedimentazione amorevole su ciò che non si può più celare. Nascerà una "tomba" che ha la medesima scala evanescente delle debolezze umane, nascerà una "casa" che ha la medesima scala delle conquiste futuribili di una società rinascente, nascerà un "nuovo cuore" che catalizzerà brividi di paura e di potenza in ognuno di noi. Dopo migliaia di anni ecco, forse, una nuova piramide.

Tutti i commenti di fausto d'organ

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]



<