Giornale di Critica dell'Architettura
Università

Che sta succedendo? Ma che Storia è questa?

di Paolo G.L. Ferrara - 18/5/2001


Programmi didattici nei corsi di Storia dell'Architettura Contemporanea. Argomento forte, importante, decisivo per verificare quanto gli studenti siano coinvolti nei nuovi avvenimenti.
Come i docenti della materia in questione stanno aggiornando i loro programmi?
Che tipo di analisi pongono alle nuove problematiche dell'architettura dell'era digitale?
Che tipo di risposte propongono?
Quanto peso danno alla critica in rapporto alla storia contemporanea?
Si fermano alla cronaca degli avvenimenti o ne fanno materia di dibattito?
Sono domande che Antithesi pone per avere risposte che diano vita alla diffusione di quanto si ricerca all'interno delle facoltà di Architettura.
Il lavoro sarà suddiviso per facoltà di città diverse, in modo da avere un quadro chiaro delle posizioni assunte dai docenti operanti all'interno della stessa università.
Indubbio che l'argomento possa essere esteso anche a chi insegna Progettazione e Critica. Niente in contrario se qualcuno vorrà intervenire.
Per primi, Antithesi inviterà direttamente i docenti del Politecnico di Milano a partecipare a questo dibattito on- line.
Staremo a vedere.

MILANO LEONARDO: minima pervenuta +1
Su dieci docenti contattati da Antithesi - di cui, per dovuto rispetto, non riportiamo i nominativi- al nostro invito per dibattere sugli insegnamenti nei corsi di Storia contemporanea,ha risposto solo il Prof.Aldo Castellano, dicendosi disponibile ad interagire con Antithesi e con i suoi lettori. Perciò, ringraziamo il Prof.Castellano.
Le defezioni degli altri docenti possono essere dovute a svariati motivi. Vediamoli.
Il primo - anche se molto improbabile- potrebbe essere il mancato ricevimento della mail. In tal caso -visto che inoltreremo comunicazione- invitiamo i docenti a farsi vivi dopo la pubblicazione di questo articolo.
Secondo motivo, le mail sono state cestinate da qualche assistente delegato alla lettura della posta elettronica. Probabilmente, i suddetti assistenti, non hanno reputato interessante l'argomento o- più probabilmente- non hanno reputato Antithesi interlocutore di rango. A questa ipotesi si lega il terzo motivo di mancata risposta: che siano stati gli stessi docenti a non dare credibilità al nostro invito?
Ovviamente, si tratta solo di ipotesi, il che esclude qualsiasi presa di posizione polemica da parte nostra.
Piuttosto, un dubbio, seppur minimo, sorge: che i docenti del Poli Mi Leonardo abbiano timore di confrontarsi con una platea sicuramente più vasta e, soprattutto, interattiva?
Scrivere un libro o un articolo su carta stampata, non consente a chi legge di replicare immediatamente.
Al massimo, quel libro o quell'articolo non li si prende molto in considerazione.
Dibattere on line è molto più arduo, perché obiezioni motivate possono giungere tempestive e da più parti.
Credo sia naturale che una piccola struttura qual è Antithesi sia considerata ininfluente da chi sta seduto sulla cattedra universitaria. Troppi impegni per i docenti, ed un interlocutore non di prestigio.
Tant'è. Grazie comunque ai docenti interpellati. Vero: molte volte la parola è d'argento, ma il silenzio è d'oro. Capita anche che molte volte il silenzio è tale perché non si sa cosa dire.
Comunque sia, il Prof. Castellano è docente giovane che, curamente, contribuirà a portare avanti il tema, senza fronzoli, senza enfasi, ma con assoluta schiettezza.
Intanto,lasciamo il Politecnico Leonardo e ci spostiamo alla seconda facoltà di architettura, Milano Bovisa.
Vediamo cosa succederà in questa seconda tappa.



(Paolo G.L. Ferrara - 18/5/2001)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Paolo G.L. Ferrara
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti
1 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 577 di Falconh Viviana del 09/01/2004


...io credo che che le ragioni ipotizzate da Paolo Ferrara su tale silenzio non centrino la questione come dovrebbero.
Penso che ben piu' gravemente molta di questa gente (fatta esclusione di chi senza colpa ha taciuto) sia cosi' ostinatamente convinta di aver concluso la propria ricerca, da non abbisognare di ulteriori approfondimenti; peggio, molto peggio, alcuni di questi non hanno mai fatto ricerca, tutti forse, hanno assunto le verita' di qualcuno piu' in gamba di loro, e ne hanno fatto proprio stendardo.
Ecco nata l'accademia.
Il problema, Ferrara, e' che ad inveire a tutti gli imbecilli che sputano al cielo si rischia di restare vittime della forza gravitazionale.
Forse (e' quasi piu' un invito che una riflessione) bisognerebbe che tutti coloro che sognano un cambiamento si costituiscano in massoneria: dal basso, e' piu' facile minarne le fondamenta.

Tutti i commenti di Falconh Viviana

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]



<