Giornale di Critica dell'Architettura
Storia e Critica

Rem Koolhaas, Fondazione Prada a Milano

di Sandro Lazier - 7/5/2015


Koolhass dimostra ancora una volta d'esser un geniale patafisico.
Egli non risolve i problemi, ma li cavalca con l'ironia; per poi abbandonarli e lasciarli come li ha trovati.
Ma lo fa con perizia e intelligenza, affidando alla raffinata suggestione della moda la confezione di circostanze note e spesso banali. Il mondo, per lui, non è cosa da cambiare radicalmente. In fondo, gli sta bene così com'è. Infatti, come la moda insegna, quando una realtà è sfacciatamente favorevole, non va sostituita ma, piuttosto, vestita.
Egli sa, con astuzia, che la condizione privilegiata che gli concede il ricco mondo della mercanzia d'autore necessita d'un bagno d'umiltà da procurarsi con l'acqua santa del paradosso, tanto apprezzato dai sacerdoti del pensiero debole dell'architettura.
Egli sa, in particolare, di non aver doti rivoluzionarie capaci di assorbirlo nella ricerca sofferta di neologismi architettonici. E di tale mancanza fa tesoro, riciclando tutto il riciclabile nel teorema della naturalezza del delirio urbano, in cui l'oro zecchino interpreta sé stesso nel duplice atto di riscattare col lusso le cianfrusaglie e, per converso, costringere lo sfarzo a vestire i panni dell'ascetismo minimale.
Non ci è dato di sapere se il disimpegno ideologico, che accompagna pomposamente la sua produzione ultima, provenga da una riflessione storico-sociologica nella quale gli eventi non sono più situazioni da superare e sostituire, ma piuttosto da sommare, come ci ha mostrato la realtà informatica.
Averne conferma rimetterebbe in gioco col dibattito culturale il suo ardire nel rimescolare continuamente le stesse carte.
Cosa di cui, per ora, dubito fortemente. Mi dichiaro comunque pronto a ricredermi.


Ps:- Intervista di Marianne Wellershoff di Spiegel sulle ragioni di Koolhaas nel progetto della fondazione Prada a Milano.



(Sandro Lazier - 7/5/2015)

Per condividere l'articolo:

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]

Altri articoli di
Sandro Lazier
Invia un commento
Torna alla PrimaPagina

Commenti
1 COMMENTI relativi a questo articolo

Commento 13615 di vilma torselli del 08/05/2015


Rem Koolhaas mi ha sempre indotto qualche perplessità, del tipo "ci sei o ci fai?", alla lunga però ho finito per riconoscergli una onestà intellettuale ignota a molte archistar contemporanee.

Dice del suo gruppo "abbiamo abbracciato il tema della conservazione", ironia, astuzia, disimpegno, ma anche umiltà, rispetto, amore e magari un po' di nostalgia.
E dice "Dobbiamo preservare la storia", un racconto corale fatto da tutti, architetti compresi, l'antica Roma è meravigliosa, più che mai oggi "la gente vuole vivere in edifici con una storia".

C'è più di un eco di Marc Augé, di Zygmunt Bauman, il seguito di quanto già dichiarato nella veste di curatore della passata biennale di architettura di Venezia 'Fundamentals': "si concentrerà sulla storia - sugli inevitabili elementi di tutta l'architettura utilizzati da ogni architetto, in ogni tempo e in ogni luogo", la modernizzazione come percorso secolare senza soluzione di continuità, che vuol dire anche recupero, riconversione, riutilizzo.
Un percorso lungo il quale l'Italia è un paese 'fondamentale'.
Può essere una conferma?

Tutti i commenti di vilma torselli

 

[Torna su]
[Torna alla PrimaPagina]



<