Giornale di Critica dell'Architettura
7 Articoli di Maurizio De Caro

Cronaca dell'architettura universale


di Maurizio De Caro - 14/9/2004

La leggenda narra che Eschilo fu ucciso da una tartaruga.
Una aquila dopo aver catturato l’animale lo lasciò cadere dal cielo sul capo dell’ignaro poeta tragico, scambiando la sua testa, calva, per un masso.
Quanti danni può fare una sbagliata indagine sugli elementi generali e noi non vorremmo comportarci come quell’aquila, nell’analizzare la Biennale architettura giunta tra alti e bassi alla nona edizione,
terza di un’era che ha trasformato la mostra in un’anabasi tra luoghi del...(continua)
[Torna su]


Oscar Niemeyer


di Maurizio De Caro - 22/7/2004

Lo studio di Niemeyer si trova in uno dei luoghi più belli del mondo a Copacabana e dalle sue finestre continue (potrebbero essere diverse?) il sole di Rio de Janeiro aggredisce come una lama incandescente.
Sui muri candidi i disegni tremolanti dell'architetto, che col pennarello ha scritto un pezzo della storia dell'architettura del secolo scorso, perché Niemeyer è l'idea stessa del pioniere, l'eroico paladino della modernità che si afferma e si affranca rispetto al t...(continua)
[Torna su]


Un concorso 'vero'.


di Maurizio De Caro - 6/6/2004

Notiamo con certa soddisfazione, unita al necessario sospetto, l’interesse che l’opinione pubblica comincia a rivolgere all’architettura ed alle questioni connesse al bello, materia friabile e opinabile come nessuna.
Ora le occasioni non mancano per fare il punto dello stato dell’arte, tra fondi che inaspettatamente arrivano(ma in campagna elettorale è più facile compiere miracoli) e musei del design che finalmente decollano tutto sembra indicare una rinascita dell’architettura e del design...(continua)
[Torna su]


La critica dell'architettura e le riviste del primo dopoguerra. Il caso 'la casa bella'.


di Maurizio De Caro - 3/4/2004

Esce in gennaio dalla sede di via Boccaccio 16 a Milano, contemporaneamente alla consociata Domus, il primo numero di “La casa bella, rivista per gli amatori della casa bella”.
E’ un fascicoletto di appena cinquanta pagine, chiuso in una modesta copertina e costa 8 lire.
La dirige Guido Marangoni, cultore d’arte antica, scelta non contraddittoria rispetto alla consociata Domus di Gio Ponti che aveva il compito di attraversare l’avanguardia mantenendo comunque un rapporto con ...(continua)
[Torna su]


Belli e/o brutti (milanesi)


di Maurizio De Caro - 16/3/2004

L’impatto che l’architettura e l’arredo urbano hanno sull’immaginario collettivo è di gran lunga molto più influente dell’interesse che le stesse discipline producono nei confronti della società.
Vi ricordate i lampioni ”con le palle” di corso Sempione? Opera stanca di un maestro scomparso prematuramente fanno “bella mostra” di sé in un contesto talmente angosciante che popolazioni e amministrazioni vogliono ricostruire “il prima-brutto” rispetto ad un “progetto-bello” che è piaciuto solo a...(continua)
[Torna su]


Delitti perfetti e riviste perfettibili


di Maurizio De Caro - 19/1/2004

Il nuovo direttore di Domus è bravo.
Perchè l'incipit della rinnovata rivista è solo apparentemente nascosto nella copertina, bensì è la parola scritta di un vecchio maestro a tracciare la linea editoriale con mirabile sintesi: tortuosità.
Come in un opera musicale contemporanea il compositore sapiente(Boeri) miscela armonie classiche ma, insoddisfatte del percorso originario, con sonorità nuove ma, lievemente timide, per raggiungere il risultato dell'overdose semantica che non acconte...(continua)
[Torna su]


La casa popolare in Triennale


di Maurizio De Caro - 5/1/2004

“Sarà un’opera buona e un buon affare”,così si esprimeva il senatore socialista Luigi Luzzatti dopo il varo della sua proposta di legge , la prima in Italia, per l’attivazione di sostegni all’edilizia popolare.
Siamo nel 1903 e altri anni dovranno passare prima della costituzione degli Istituti per le Case Popolari ma, ciò che conta, è l’orientamento, tipico per altro del governo Zanardelli-Giolitti, che faceva intravedere un potenziamento degli aiuti e facilitazioni fiscali per gli imprend...(continua)
[Torna su]